"Signora di tutti i Popoli"

Amsterdam 25 marzo 1945
Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli
Vai ai contenuti
lectio Divina 2019

Ventesima domenica del tempo ordinario
Vieni Santo spirito
Vangelo: Lc 12,49-53

LECTIO

49Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! 50Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
51Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. 52D'ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; 53si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

MEDITATIO
Il brano che questa domenica viene proposto alla nostra riflessione è costituito da pochi versetti, ma densi di significato. Nella prima parte versetti 49-50, Gesù afferma: 49Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Il fuoco di cui parla Gesù è il fuoco dello Spirito Santo che invaderà la terra in ogni luogo, ogni persona, in ogni tempo, è la forza di Dio che permette la sincera conversione dell’uomo e la sua rinascita dall’alto, un uomo che non rinasce dall’alto non può entrare nel regno di Dio, dice Gesù (Gv 3,3), l’evento dello Spirito Santo avverrà dopo che Gesù avrà offerto se stesso per la salvezza di tutti gli uomini, è il nostro tempo. 50Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto! Il compito e la missione di Gesù è fare conoscere la misericordia di Dio Padre che lo ha inviato per la redenzione del mondo.
Nella seconda parte del brano si rimane in tema sull’azione dello Spirito Santo (vers. 51-53), Egli soffia dove vuole (Gv 3,8) e investe chi vuole, purificandolo con il fuoco dell’amore di Dio e poi inviandolo nel mondo a proclamare la grandezza della sua salvezza che Dio ha operato per mezzo del suo unigenito Figlio Gesù Cristo nostro Signore. Attraverso il contesto familiare Gesù spiega l’azione dello Spirito, essa è un bene per l’uomo perché porta conversione e un cuore nuovo alla persona che lo riceve, ma Egli non investe tutti allo stesso momento e nello stesso luogo per cui alcuni sono colmati con lo Spirito e rinascono a vita nuova, loro vedono con gli occhi di Dio il mondo e coloro che lo abitano in modo diverso, in generale si può dire che non vedono più in senso materiale ma in senso spirituale, sanno leggere i segni dei tempi e sanno rendere grazie a Dio per le sue meraviglie, lo lodano e lo pregano, tale stile di vita contrasta fortemente con l’ideologia del mondo che invece non riesce a vedere oltre la propria ed esclusiva materialità. Quindi partendo dal centro familiare dei genitori con i figli ma si può anche considerare il cerchio superiore, i colleghi di lavoro, gli amici, e anche coloro che sono fuori nel cerchio esteriore della propria spirituale cristianità. In tutti questi contesti la persona spirituale vive la propria dimensione in modo diverso dalla persona materialista, sono come due binari paralleli che non si incontrano ma possono scontrarsi e molte volte dividersi totalmente, è il modo di pensare cristiano fatto di carità che molte volte divide le persone, beneficare una persona o non beneficarla dipende dal cuore misericordioso che il soggetto possiede e che è dono dello Spirito (Ger 38,4-6.8.10), chi comprende questo movimento che separa i figli di Dio da i figli del mondo? Solo coloro che hanno lo Spirito di Dio, per questo Paolo dice, noi che siamo i forti dobbiamo, senza esaltarci, compatire coloro che sono deboli (Rm 15,1).
ORATIO
Signore Padre santo oggi ti ringraziamo per il dono dello Spirito Santo, che non potrebbe essere stato riversato su di noi se il tuo figlio Gesù non si fosse immolato per la nostra salvezza, grazie Padre per Gesù, grazie per lo Spirito Santo, amen.
CONTEMPLATIO
Gestire le relazione con gli altri senza offendere, senza soverchiare, senza giudicare è una palestra a cui molti devono attendere, ma molto di più per color che credono nella misericordia e bontà di Dio, che li interpella a imitare la Sua bontà e misericordia.
Torna ai contenuti