"Signora di tutti i Popoli"

Amsterdam 25 marzo 1945
Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli
Vai ai contenuti
L'immagine della Signora e Rue Du Bac    

(analogia)

Nell’apparizione del 4 marzo 1951 la Madonna chiede a Ida di far dipingere la sua immagine che le viene mostrata.
La Madonna descrive in ogni particolare l’immagine miracolosa. "Questa immagine è il significato e la raffigurazione del nuovo dogma. Perciò io stessa dice La Signora ho dato questa immagine ai popoli messaggio 8 Dicembre 1952.

Per comprendere il significato dell'immagine bisogna confrontarla con la Medaglia Miracolosa fatta coniare nel 1830 dalla Madonna a suor Caterina Labourè a Rue du Bac durante una visione.
Nel messaggio del 31 Maggio 1965 ad Amsterdam la veggente scrive: Ero a Parigi, mentre mi comunicavo nella Chiesa della Rue du Bac vidi di nuovo la Luce ed ebbi la netta sensazione che il Signore fosse presente.
Ricevetti in me le seguenti parole, pur avendole sentite pronunciare :-Ciò che iniziò qui, verrà portato avanti dalla " Signora di tutti i popoli " . Tutto stabilito come da progetto di Dio.

Confrontando l'Immagine della Signora con la Medaglia Miracolosa si nota quanto segue : La Madonna in entrambe le immagini si mostra in atteggiamento di accoglienza, i piedi poggiano sul globo terrestre, dalle mani fuoriescono raggi, che sia in l'una o altra apparizione rappresentano le Grazie quindi " Mediatrice ".
Nella preghiera della Signora Ella si definisce " Avvocata " - Che La Signora di tutti i popoli, che una volta era Maria sia la Nostra Avvocata.
Nella Medaglia viene scritta la preghiera " O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a voi ", dove si evince l'anticipo del terzo dogma dell' Immacolata concezione, (l'apparizione risale al 1830 mentre il dogma viene promulgato nel 1854 ) e la funzione della Madonna come " Avvocata " - Prega per noi che ricorriamo a voi -.

Ai lati della Medaglia, si notano dodici stelle, che nella stessa corrispondono ai dodici Apostoli e alle dodici tribù come nell' Apocalisse, ma viene evidenziato anche la regalità della Madonna incoronata come Regina del cielo e della terra sempre in forma ufficiosa, ancora non esiste una verità certa, quindi un dogma.

Fra l'altro le dodici stelle che suor Caterina Labourè nella visione vede, le rappresenta come l'uomo è abituato per convenzione a rappresentarle a cinque punte.
Nell'immagine della Signora non si vedono più le stelle, ma si nota un alone di Luce che avvolge il dietro della croce e La Signora stessa.

Questa Luce rappresenta lo splendore della gloria di Dio, quella Corona o Diadema di luce non fatta nè d'oro nè di diamante, ma rappresenta l'onnipotenza di Dio concessa alla Signora.
Questa Luce viene disegnata dal dito della mano di Dio e non da uomo come le stelle.
Le stelle del cielo sono state create da Dio e sono di luce differenti l'una d'altra ed hanno luce propria, solo Dio ha potere assoluto su di esse.

Altro elemento importante che si nota nella Medaglia è il serpente interposto tra i piedi della Madonna e il globo. Mentre nell'immagine della Signora non c'è. La differenza consiste che dove è presente il serpente il male sta operando, e per questo la Medaglia è stata coniata, come protezione contro il demonio come disse la Madonna nell'apparizione.
Mentre nell'immagine della Signora di tutti i popoli attraverso la Sua intercessione come Meditrice Avvocata e Corredentrice, quindi il 5° dogma mariano, il mondo verrà liberato dal male, ed avverrà così il Trionfo del Suo Cuore Immacolato, messaggio del 15 Agosto 1967.

Nel retro della Medaglia si evince la croce sormontata dalla " M ", la base della croce rappresenta il sacrificio dell'altare in cui la Madonna è sempre presente al sacrificio del Figlio.
Sotto sono evidenziati i due Sacri Cuori di Gesù e Maria l'uno coronato di spine l'altro trafitto dalla spada.
Questa rappresenta la " Corredenzione " della Madonna con Gesù con cui condividono lo stesso dolore, uno causato dagli uomini per il peccato, la croce è il mezzo della redenzione, l'altro subito per la passione del Figlio crocifisso.

Gesù Immacolato e puro, come Maria Immacolata e pura per Concezione di Dio, sono costantemente in comunione spirituale per opera dello Spirito Santo e nulla di contaminato può entrare in Essi, e sono inseparabili e perennemente in grazia di Dio.
A differenza degli uomini che sono soggetti al peccato e se anche la grazia di Dio è presente non può avere un grado simile a quello di Gesù e Maria proprio perchè Immacolati per progetto di Dio.

Nell'immagine la Signora è posta davanti la croce, esattamente come quando si trovò ai piedi della stessa è proclamata da Dio attraverso il Figlio Madre dell'umanità, e quindi corredentrice del genere umano perchè in unione spirituale perenne, ed irradiata dalla gloria del Figlio, messaggio del 4 Marzo 1951.
Le mani della Signora sono piagate come quelle del Figlio, e da esse fuoriescono tre raggi che sono Grazia che vengono dal Padre, Redenzione che viene dal Figlio, la Pace dallo Spirito Santo.
Quindi La Signora diviene Corredentrice per onnipotenza di Dio, e Regina della Pace perchè opera nello lo Spirito Santo.
Alfonso Mezzatesta



Torna ai contenuti