"Signora di tutti i Popoli"

Amsterdam 25 marzo 1945
Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli
Vai ai contenuti
Riferimenti blibici

Il DOGMA DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE nelle SACRE SCRITTURE


La sacra scrittura annuncia per la sua dinamicità i progetti divini del Signore per tutte le generazioni, la divina rivelazione non si può arrestare ma continua ad essere guida.
Concetto essenziale,  la prescienza di DIO.
La Sapienza prima della venuta di Maria e l'avvento di Cristo operava attraverso i profeti ed i santi di Dio.
Duemila anni fa la Sapienza ha preso corpo in Maria sede e sposa dello Spirito Santo nonchè madre del Figlio di Dio.
I riferimenti bibblici sulla Sapienza alla luce della divina rivelazione si riferiscono a Maria, infatti tutti i dogmi di Maria si trovano già stabiliti nelle Sacre scritture.
Pertanto fin dal principio Maria era un progetto di Dio,  possiamo utilizzare anche la frase, -  Maria Immacolata per concezione di DIO

  
LIBRO DEI PROVERBI-capitolo. 8 versetto. 22-31

 
22Il Signore mi ha creato come inizio della sua attività,
prima di ogni sua opera, all'origine.
23Dall'eternità sono stata formata,
fin dal principio, dagli inizi della terra.
24Quando non esistevano gli abissi, io fui generata,
quando ancora non vi erano le sorgenti cariche d'acqua;
25prima che fossero fissate le basi dei monti,
prima delle colline, io fui generata,
26quando ancora non aveva fatto la terra e i campi
né le prime zolle del mondo.
27Quando egli fissava i cieli, io ero là;
quando tracciava un cerchio sull'abisso,
28quando condensava le nubi in alto,
quando fissava le sorgenti dell'abisso,
29quando stabiliva al mare i suoi limiti,
così che le acque non ne oltrepassassero i confini,
 
quando disponeva le fondamenta della terra,
30io ero con lui come artefice
ed ero la sua delizia ogni giorno:
giocavo davanti a lui in ogni istante,
31giocavo sul globo terrestre,
ponendo le mie delizie tra i figli dell'uomo.
 
 
Commento dal versetto. 22-31
 
Dio ha pensato e creato Maria prima di ogni Sua attività terrena. Prima di ogni sua opera, prima degli abissi, prima delle sorgenti, prima che fossero fissate le basi dei monti, prima delle colline,prima dei campi, delle zolle, delle nubi, prima dei confini del mare, Maria non esisteva in forma definita, ma come se lo fosse. Immacolata per Concezione, uscita dalla bocca dell'Altissimo,  operante e operosa sempre per i figli dell'uomo. Presente nello Spirito di Dio con tutti i doni che Dio gli ha concesso per Onnipotenza. Con la Sua nascita terrena tutto ha preso forma.

 
 
LIBRO DELLA SAPIENZA – capitolo. 7; versetto 22 , 25

 
22In lei c'è uno spirito intelligente, santo,
unico, molteplice, sottile,
agile, penetrante, senza macchia,
schietto, inoffensivo, amante del bene, pronto
 
25 È effluvio della potenza di Dio,
emanazione genuina della gloria dell'Onnipotente;
 
per questo nulla di contaminato penetra in essa.
 
 
COMMENTO Al versetto. 22 e 25
  
In Maria ci sono tutte le virtù, spirito di intelligenza, di santità, penetrante, unico, inoffensivo, amante del bene, tutta pura senza macchia, emanazione soave della potenza di Dio, corona di gloria Onnipotente di Dio. Dove Lei trova dimora la fraganza delle Sue grazie profumano di Dio,  nulla può contaminarla, l'Immacolata senza peccato, neanche il peccato originale poteva contaminarla, Lei era ancora prima che fosse.


 
 
LIBRO DELLA SAPIENZA -capitolo. 9 , versetto.9

 
9Con te è la sapienza che conosce le tue opere,
che era presente quando creavi il mondo;
lei sa quel che piace ai tuoi occhi
e ciò che è conforme ai tuoi decreti.
 
 
Commento vers. 9
 
La sapienza è uno dei tanti doni che sono presenti in Maria. Lei che da voce allo Spirito Santo, è stata sempre presente sin dalla creazione della terra da Dio. Lei Madre, Sposa del Padre, chi meglio può sapere e conoscere quello che è gradito a Dio? Chi può portare gli uomini alla santificazione conformandoli ai decreti di Dio?
 
 
 
LIBRO DEL SIRACIDE capitolo. 24 ; versetto. 3, 8, 9

 
 
3«Io sono uscita dalla bocca dell'Altissimo
e come nube ho ricoperto la terra.
 
8Allora il creatore dell'universo mi diede un ordine,
colui che mi ha creato mi fece piantare la tenda
e mi disse: «Fissa la tenda in Giacobbe
e prendi eredità in Israele.
 
9Prima dei secoli, fin dal principio, egli mi ha creato,
per tutta l'eternità non verrò meno.
 
 
Commento CAP 24 del Siracide vers. 3-8-9
 
Pensiero e progetto di Dio, Maria uscita dalla bocca di Dio come soffio di vita e d'amore, prima di essere carne Lei operava come nube ricoprendo la terra. Sempre agli ordini dell'Altissimo per istruire e portare alla santificazione il popolo di Giacobbe con cui Dio fece l'alleanza. Donata per eredità a tutto il popolo di Israele,  madre del Figlio, e dell'umanità. Dono di Dio da sempre, lo ha fatto ieri, lo sta facendo oggi, lo farà nel futuro, per tutta l'eternità.
 
Maria Immacolata per concezione di Dio.
 
 
Alfonso Mezzatesta
 
 
 
Torna ai contenuti