"Signora di tutti i Popoli"

Amsterdam 25 marzo 1945
Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli

Signora di tutti i Popoli
Vai ai contenuti
Apparizioni Mariane

Nostra Signora di Belpasso 1986 (Italia)


Le Apparizioni Mariane


L'11 maggio 1986 la Santa Vergine appare presso la roccia di Borrello di Belpasso a Rosario Toscano (1971), studente liceale, figlio di genitori benestanti, dicendogli:
       
"Vi benedico figli Miei. Rafforzate la vostra fede partecipando sempre, ma con tutto il cuore alla Santa Messa". La fede è un frutto che non deve marcire mai... Leggete spesso la Sacra Bibbia, capirete molte cose sulla vita santa e sul timor di Dio. Bisogna fare opere di bene... ma educate pure i vostri pensieri, siate umili con i vostri pensieri: l'umiltà è benedetta da Dio... verrò fra sette giorni!".
       
La visione era stata preceduta da altri segni miracolosi. Infatti il 4 maggio 1986, Rosario è a letto solo in casa, con la febbre causata da un virus che da tempo lo fa soffrire. All'improvviso una grande luce scoppia in un punto della camera e sente una voce femminile che lo invita a pregare per i peccatori, a non disperare per la febbre e a non dire niente a nessuno.    
Il veggente chiede che è che parla e la luce risponde: "Te lo dirò quando sarà il momento".
        
La luce gli riappare il giorno dopo e ancora il 7 maggio. Lo invita nuovamente a pregare, dicendogli anche: "Oggi è il momento di dirti chi sono: Io sono Maria Madre di Dio, l'Immacolata Concezione... se vuoi vedermi devi recitare il Santo Rosario". Gli spiega poi dove doveva andare domenica 11 maggio per rivederla. La domenica, Rosario, accompagnato da 3 suoi cuginetti,     va alla ricerca del luogo che la Madonna gli aveva indicato: la roccia di Borrello di Belpasso. Trovatolo, vengono raggiunti dai rispettivi genitori e insieme pregano. Verso le 13 una nuvoletta bianca avanzaverso il gruppo e si ferma vicinissima alla roccia. La nuvola incomincia ad espandersi e ad allargarsi come un fiore; filtra una forte luce e gli appare Maria; gli riappare, come promesso, il 18 maggio 1986, dicendogli:
       
"Voi pregate poco gli angeli, poco li invocate. Essi fanno molto per voi.  Essi combattono il male".
       
Le apparizioni continueranno sino al 1° maggio 1988 e saranno in tutto 32. Rosario ha ricevuto parecchi messaggi dalla Madonna. Il giovane ha potuto vedere l'Inferno, il Purgatorio ed il Paradiso. Inoltre, il 1° marzo 1987, ha ricevuto 12 messaggi segreti: due personali e 10 riguardanti il futuro dell'umanità. La Vergine gli ha anche detto:
       
"Figli Miei, sono venuta per avvisarvi... Il Mio avviso è legato alla vostra salvezza... Mio Figlio vi chiama, ma voi siete sordi alla Sua  Chiamata... Quel che succede nel mondo non necessita forse di preghiere di conversione?".
       
Dal 7 ottobre 1987 il veggente ha locuzioni interiori. L'11 maggio 1990, nell'anniversario delle apparizioni, nel cielo di Belpasso è apparsa una grande croce, come testimoniano numerose persone che l'hanno vista. La posizione della Chiesa sulle apparizioni di Belpasso è cautamente positiva. L'Arcivescovo di catania, mons. Bommarito, ha benedetto il tempietto, chiesto dalla Madonna, che è stato costruito sul luogo delle apparizioni.
        
I Messaggi


  • "Il mio amore è con voi, figli Miei. Lo Spirito Santo, dono del Signore, con la preghiera si effonderà in voi e vi accompagnerà, vi aiuterà, vi guiderà, vi insegnerà ciò che dovete fare. Sarà il lume di guida, il faro dei vostri occhi, rivelatore di Verità, d'amore, specchio di giustizia infinita, via di salvezza, arca dell'Amore, ponte di vita eterna". -1° giugno 1986

  • "Nella preghiera c'è Dio; parlate con la Santissima trinità: sono tre persone distinte, ma unica (nella sostanza). Essa vive nell'Amore. Dio è portatore, salvatore, donatore. Egli vi porta il Suo messaggio d'amore attraverso la vita. Egli salva: vi salva per mezzo del Figlio Gesù. Egli dona: vi dona per mezzo dello Spirito Santo i suoi sette santi doni". - 8 giugno 1986

  • "Continuate a pregare per la conversione del mondo... Le sofferenze sono spine, ma se offerte a Gesù sono rose. Non bisogna mai lamentarsi, perché Gesù ha sofferto più di chiunque". - 18 giugno 1986

  • Il Regno di Gesù verrà per mezzo mio, il Mio Cuore deve trionfare e poi ci sarà l'ultimo e grande trionfo del Cuore di Gesù... Le nazioni del mondo dipendono da due nazioni più grandi, ma tutte sbagliano. In America... il troppo liberalismo ha fatto diventare il peccato una cosa lecita e l'indifferenza contro il fratello bisognoso che muore di fame e di  stenti, una cosa necessaria. In Russia..., invece, le troppe costrizioni, la fame e le persecuzioni contro la Chiesa, hanno ridotto l'uomo quasi quanto un animale... Desidero che non solo si converta la Russia... ma... anche l'America". - 23 novembre

  • Voi spesso dite che il Mio messaggio è sempre lo stesso... Molto male Figli Miei, vuol dire che non  sapete meditare. Dite pure che chiedo sempre la preghiera e la recita  del Santo rosario. Dovete sapere, però, che quando pregate voi siete molto più belli, il vostro cuore si apre al Signore e per lui diventate molto più preziosi di prima". - 1° dicembre

  • "Oggi siete chiamati ad un compito particolare che... (Dio) nella Sua Misericordia ha voluto  affidarvi: annunciare al mondo la Sua imminente venuta". 1° febbraio 1988

Domenica 4 maggio 1986 (casa di Rosario)
Ero solo a casa e aspettavo i miei genitori che erano andati a scuola per parlare con i professori a causa del virus che mi faceva fare tante assenze. All’improvviso, nel letto, mi sentii sorprendere da uno strano soffocamento: avevo paura.
Qualcosa mi spinse ad alzarmi e, restando in piedi nella mia stanza, sentii un improvviso miglioramento.
Poi una strana voce mi disse:
"Hai sofferto abbastanza, ora basta".
Un forte brivido mi scese fino alla schiena.
Pensavo che fosse qualcosa congegnato dai miei genitori, per farmi scendere la febbre.
Ma una grande luce scoppiò da un punto della stanza, e nel frattempo quella voce femminile mi diceva che dovevo pregare per i peccatori, che non dovevo disperare per la febbre e che non dovevo dire niente a nessuno. Io, curioso e intimorito, Le chiesi: "Chi è Lei?"; la Bianca Luce mi rispose:
"Ti dirò chi sono quando sarà il momento".
Detto questo la luce sparì. Volevo scappare, ma non l’ho fatto: non so perché.
Lunedì 5 maggio 1986 (casa di Rosario)
La luce mi riapparì e mi disse che sarebbe apparsa più volte, mi disse che ancora non dovevo dire niente a nessuno.
Io le chiesi di nuovo: "Chi è Lei?" e la Bianca Luce mi rispose:
"Ti dirò chi sono quando sarà il momento".
Poi mi disse di pregare tanto.
Detto questo, sparì come l’altra volta
Mercoledì 7 maggio 1986 (casa di Rosario)
La Bianca Luce apparì di nuovo e mi disse di pregare ancora.
Io le chiesi con insistenza: "Chi è Lei? Per favore, può dirmelo?"
La Bianca Luce mi rispose:
"Oggi è venuto ilo momento di dirti chi sono. Io sono Maria Madre di Dio, l’Immacolata Concezione.
Tu potrai dire della mia venuta tra qualche giorno e solo a qualcuno. Se vuoi vedermi devi recitare il S. Rosario".
Dopo mi spiegò dove sarei dovuto andare domenica, giorno dell’Ascensione di Nostro Signore, 11 maggio.
Poi, detto questo, sparì come le altre volte.
Giovedì 8 maggio 1986 (in questa data non appare la Madonna)
All'ora di pranzo, io raccontai tutto ai miei genitori che non ci credettero molto. Mio padre di meno, mia madre di più.
Dopo qualche giorno avvisammo i miei zii ed alcuni parenti più intimi, qualcuno più incredulo, altri meno, tutti però vennero l’11 maggio per assistere; lo dicemmo anche ad alcuni miei cugini: tutti promisero di non dire niente a nessuno, perché la Madonna diceva: "Dio agisce nel silenzio".
Domenica 11 maggio 1986 (Ascensione di Nostro Signore, roccia di Belpasso)
Erano le 12,30 ed io e i miei tre cugini ci avviammo per cercare quel luogo dove la Madonna mi aveva promesso che l’avrei vista.
Usciti dal cancello della nostra villetta, incominciammo ad avviarci verso il boschetto adiacente.
Il tratto in cui camminavamo curvava pian piano a sinistra, tanto che ci trovammo di nuovo al punto di partenza.
Mi guardai un po’ attorno perché mi sembrava inutile andare di nuovo in mezzo al boschetto.
Vidi così, da lontano, una bella roccia, diversa di colore e di forma dalle altre ed anche particolare per la sua posizione.
Sicuro che fosse quello il luogo dell’apparizione, incominciai a scendere la discesa che portava alla strada principale, portandomi dietro i miei cugini.
Facendo molta attenzione nell’attraversare la strada (anche per i miei cugini più piccoli) arrivammo all’altro margine della strada, che si affacciava in un’estesa zona rocciosa.
Incominciammo a camminare di nuovo, stavolta in mezzo ai cespugli; una cosa particolare che ci stupì era quel viottolo che, attraverso quel luogo, portava ad un grande spiazzo, dove troneggiava la bella roccia di forma cubica.
Arrivati lì, ci sedemmo e aspettammo.
Nel frattempo i miei zii ed i miei genitori, che erano rimasti per un po’ a casa, affacciati dal balcone, per seguirci con lo sguardo, avendo capito che avevamo trovato il luogo della Madonna, si incamminarono anche loro e ci raggiunsero: pregammo insieme.
Erano ormai le 13 (le 12 ora solare), il cielo era di un bel celeste, vidi una nuvola bianca che pian piano si avvicinava verso di noi, scese bassa bassa e si fermò vicinissima alla roccia. La nuvola poi cominciò ad espandersi e ad allargarsi come un fiore: già filtrava una forte luce come quella che appariva a casa mia, e dopo un po’ vidi una dolce Signora, vestita di bianco, con il manto bianco in testa bordato d’oro, aveva una fascia bianca anch’essa bordata d’oro, le mani giunte ed un rosario tra le mani (in seguito, il 18 giugno, poi la vidi con le braccia aperte ed il Cuore Immacolato).
La Bianca Signora disse:
"Vi benedico, figli miei. Rafforzate la vostra fede partecipando sempre, ma con tutto il cuore, alla Santa Messa.
La fede è un frutto che non deve marcire mai.
La Chiesa, la fede, devono essere il presente per voi per poi diventare la Chiesa futura.
Meno crederete, più soffrirete.
Pregate sempre più e mettete tutto il cuore nella preghiera.
Leggete spesso la Sacra Bibbia, capirete molte cose sulla vita santa e sul timor di Dio.
Bisogna fare le opere di bene, sì, ma educate pure i vostri pensieri, siate umili con i vostri pensieri: l’umiltà è benedetta da Dio.
Tenete sempre, in ogni momento, vostro Signore nel vostro cuore: la sua presenza vi darà forza per continuare il vostro cammino e per ottenere sempre la salute dell’anima e del corpo.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Verrò fra 7 giorni."
Dopo un poco, la nuvola si chiuse, cominciò ad alzarsi verso il cielo e la Madonna sparì.
Domenica 18 maggio 1986 (roccia di Belpasso)
"Sono con voi, figli miei, in mezzo a voi.
Vi ricordo che voi pregate poco gli Angeli, poco li invocate.
Essi fanno molto per voi. Essi combattono il male.
Pregate le legioni degli Angeli e il Signore Gesù, che combattano il male.
Dì a tutti di pregare così:
Legioni di esseri perfettissimi di Dio: Angeli, Arcangeli, Cherubini, Serafini, Principati, Potestà, in tutta la vostra luce e la vostra maestà, con a capo nostro Signore, combattete il male che spesso ci minaccerà.
Esseri perfettissimi, esseri di bontà, proteggete dal maligno questa umanità.
Sappiate che molte anime non sono in grazia di Dio, gli infermi rifiutano i Sacramenti in punto di morte: ti dono una preghiera confortatrice per loro e per essere in grazia di Dio.
Giorno e notte io credo in Te.
Giorno e notte adoro Te.
Giorno e notte io spero in Te.
Giorno e notte io amo Te.
Giorno e notte io prego Te.
O Gesù, salva me, in tutto il tuo amore portami con Te.
E’ necessaria con questa preghiera la S. Comunione.
Io so che tu hai intenzione di costruire un giorno una cappella, ma per ora ti dico di no; se la cappella deve essere costruita, la gradisco con l’unione dei fedeli.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
R: Madonnina, mia mamma ti ha chiesto se mi fai guarire.
M: Guarirai tra un mese, ti dirò chi sono e ti rivelerò qualcosa.
Domenica 1 giugno 1986 (roccia di Belpasso)
Il mio amore è con voi e in voi, figli miei.
Lo Spirito Santo, dono del Signore, con la preghiera si effonderà in voi e vi accompagnerà, vi aiuterà, vi guiderà, vi insegnerà ciò che dovete fare.
Sarà il lume di guida, il faro ai vostri occhi, rivelatore di verità, d’amore, specchio di giustizia infinita, via di salvezza, arca dell’amore, ponte di vita eterna.
Ringraziate ora e sempre lo Spirito Santo che vi permette, invocandolo soltanto, di aprire gli occhi sulla giusta via e di leggere nell’altro, nel prossimo, Gesù, vostro Signore e Maestro, diffusore di salvezza, di verità e d’amore.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò la prossima domenica, continuate a pregare, pregate tanto, confidate in me. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: ricordate, sono sempre con voi.
Domenica 8 giugno 1986 (roccia di Belpasso)
Figli miei, sono felice delle vostre preghiere e così lo è il mio Figliol Gesù, che vi salverà se continuerete ad amare il bene.
Ricordatevi che esistono anche gli altri, è bello che voi preghiate per loro, ma non basta, fate in modo che preghino, perché nella preghiera c’è Dio; parlate della Santissima Trinità: sono tre persone distinte, ma unica. Essa vive nell’amore. Dio è portatore, salvatore, donatore.
Egli porta: vi porta il suo messaggio d’amore attraverso la vita.
Egli salva: vi salva per mezzo del Figlio Gesù.
Egli dona: vi dona per mezzo dello Spirito Santo i suoi sette Santi Doni.
Contemplate le meraviglie dell’amore di Dio, la perfezione dell’Universo. E in tutta questa grandezza troverete Dio…. Il Dio dell’amore.
Molte volte dimenticate che tutto ciò che sta attorno a voi è quanto vi ha donato Dio, siamo tutte le sue creature. Io lo ringrazio anche per voi che ve ne dimenticate, e troppo spesso accade questo.
Ma non temete, Egli vi perdona perché è bontà infinita e sa che siete imperfetti d’amore.
R: Madonnina, verrai il 18 di questo mese?
M: Verrò e ti rivelerò alcune cose.
Figlioli miei, impegnatevi al massimo in questo mese alle preghiere e alla partecipazione alla Santa Messa; è importante la S. Comunione, prendete il cibo della vita eterna.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Martedì 17 giugno 1986 (casa di Rosario)
La febbre in questi giorni era salita più del solito, 38 gradi, tanto che rimasi a letto e i miei genitori quasi non credevano più alle parole che aveva detto la Madonna in proposito.
Rimanemmo svegli fino alle 23,50 e la febbre era sempre 38°.
A quest’ora incominciai ad accusare tanto caldo e sudavo, la febbre stava scendendomi.
Verso le 24,05, era quindi già giorno 18, la febbre mi fu misurata di nuovo dai miei genitori ancora un po’ diffidenti: li accusai di avere poca fede.
La febbre era scesa a 36,4 gradi. Questa fu la prova per tutti, ed il giorno dopo mi alzai in buonissime condizioni, pronto ad andare dalla Madonna, anche per ringraziarla.
Mercoledì 18 giugno 1986 (roccia di Belpasso)
Figlioli miei, mi compiaccio per le vostre preghiere, esse sono molto utili alla vostra anima.
Continuate a pregare per la conversione del mondo.
Io dico al mondo: convertitevi e sappiatelo fare in nome di Gesù, ormai non c’è più tempo per curarsi del corpo, pensate alla purificazione della vostra anima, correte da Gesù nell’Eucarestia: Egli è la vostra Salvezza.
Molti uomini, con la loro superficialità e brama di grandezza, offendono il Signore.
Chi è come Dio? Nessuno è come Dio.
Facciano attenzione quegli uomini di poca fede o gli atei: la vera vita beata sta in cielo.
Non pensate che Dio non esista. Dio è sempre stato e sempre sarà; per un atto di amore, misericordia e bontà vi ha creato. Quindi adoratelo, lodatelo, glorificatelo, pregatelo di darvi la grazia di godere il premio eterno e promettetegli fede, umiltà e preghiera. Fate tutto questo in nome Suo e per la Sua maggior gloria.
R: Madonnina, ti ringrazio di avermi fatto guarire.
M: Le sofferenze sono spine, ma se offerte a Gesù sono rose. Non bisogna mai lamentarsi, perché Gesù ha sofferto più di chiunque, e poco si è lamentato.
Gesù vi dona il Suo amore, quando gli offrite le umiliazioni che ricevete.
Gesù vi dona il Suo amore, quando gli offrite gli insulti che ricevete.
Offrite ogni male che ricevete a Gesù, e ditegli che è per amor Suo che lo ricevete, e che glielo offrite per la conversione dei peccatori, e che in Lui avete conforto.
R: Madonnina, mi avevi promesso che mi avresti rivelato alcune cose. Con quale titolo ti presenti?
M: Io sono la Regina della Pace e desidero rivelare al mondo il Mio amore.
Il Mio Cuore è tanto addolorate e per far conoscere il Cuore Immacolato della Regina della Pace mi servirò di te. In verità non ti prometto un tappeto di rose su questa terra…
Dette queste parole, la Madonna disgiunse le mani e allungò il braccio destro in avanti con il rosario in mano, come ad invitare alla preghiera, il sinistro lo piegò un po’ in segno di protezione.
Dal centro del petto della Madonna usciva un grande bagliore, e dopo vidi il Cuore della Madonna circondato da tante spine, che dal di sotto si aggrovigliavano come un cespuglio.
Mi sentii immerso in quella luce e potevo contemplare l’amore della S. Vergine.
Fra sette giorni sarà la mia festa.
Confidate nel Mio Cuore Immacolato, non vi abbandonerà mai.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese…….ora devo andare.
Martedì 1 luglio 1986 (roccia di Belpasso)
Sono vicino a voi, figli miei. Che l’anima vostra magnifichi il Signore, lodate le meraviglie del Suo creato. Vi porto la pace del Signore, la pace sia con voi, e da voi che si irradi per la pace nel mondo, e che si irradi dai cuori dell’umanità.
Pregate perché il mondo sia nell’amore, e perché l’amore regni sempre secondo il desiderio della Santa Trinità. Che gli Angeli Santi vengano a regnare e a vincere sul male e che il male si disperda, ma è necessaria la preghiera.
Continuate a recitare il Rosario.
Donate sempre le vostre sofferenze a Dio. Donarle vuol dire ricevere grazia e meritare la salvezza, avvicinarsi a Dio, riconciliarsi con Dio.
Vi benedico ora e sempre nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
L’amore e la pace di Dio sia sempre con voi.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò fra sette giorni.
Martedì 8 luglio 1986 (roccia di Belpasso)
In questo giorno vedo la Madonna addolorata e con le lacrime agli occhi.
R: Perché piangi?
M: Piango perché mio Figlio piange, piango perché i miei figli si compiacciono del nemico di mio Figlio.
Gli uomini non hanno alcun riguardo per il sangue versato sulla Croce da mio Figlio.
Chi è in peccato e desidera la misericordia, il perdono del suo Redentore, si penta, si faccia assolvere dai suoi peccati dai ministri di mio Figlio.
Ascoltate i Suoi messaggi d’amore, si leggono non solo dal Vangelo, ma anche dalla Croce: amatelo, sappiategli dire che non siete sordi al Suo richiamo. Desidero che diciate tanti e tanti Padre Nostro. Desidero portarvi alla salvezza, confidatevi e correte tra le mie braccia, perché io vi porti subito a Dio. Rendetevi servi del Signore, e ditegli di fare di voi la Sua volontà. Egli si compiace dell’amore del Suo popolo, siate i Suoi apostoli. Desidero donare questa preghiera ai sacerdoti, che sono dei grandissimi apostoli.
Io sono la Madre della Chiesa e la Regina dei Confessori della Fede, è giusto quindi che come una madre li aiuti.
Ecco il Tuo servo, ecco il mio amore.
Ecco l’apostolo Tuo donatore.
Ecco la pace che voglio portare.
Ecco la luce, la luce d’amore.
Ecco l’amore che voglio donare.
Ecco l’apostolo servo ogni istante
di Dio Padre Onnipotente.
Ecco che porto Gesù nel mio cuore,
tanti a Gesù ne voglio portare.
Ecco l’apostolo dell’Amore Divino,
Gesù illuminami nel mio lungo cammino.
Vi benedico ora e sempre nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
L’amore e la pace del Signore Nostro Dio sia sempre con voi, e con voi rimanga sempre, per Cristo Nostro Signore. Che tutti i ministri siano illuminati dallo Spirito Santo.
R: Madonnina, continuerai a venire? E quando verrai?
M: Verrò fra dieci giorni. Pregate sempre e confidate in Me, nel Mio Cuore, in Gesù, e chiudetevi nel Suo Sacratissimo Cuore.
Venerdì 18 luglio 1986 (roccia di Belpasso)
Anche questa volta vedo la Madonna addolorata e con le lacrime agli occhi.
Il mio pianto si accorda a quello di mio Figlio. Come consolarlo di tanta collera, è molto addolorato. Gesù subisce ancora per amor vostro, ma voi cosa fate per amor Suo se lo amate?
Sono addolorata e piango per la povera umanità, per il mio Figliol Gesù ancora offeso.
Cosa chiediamo noi? Nulla, all’infuori dell’amore fraterno. Non c’è prezzo, ma il premio di una vita di pace e di gioia: la salvezza dell’anima.
Il Redentore piange e continuerà a piangere a causa dei vostri peccati, del vostro poco ricercare il bene e del vostro molto ricercare il male.
Non pensate al bene del corpo, ma al miglioramento dello spirito.
R: Madonnina, non piangere, parla all’umanità del tuo amore.
M: Il mio è un amore vivente in voi. Vi amo tanto e desidererei che ogni vostra piccola o grande azione d’amore la dedicaste all’amore di Gesù e per la Sua glorificazione. Ci accontentiamo di poco, basta che esso sia amore e abbandono totale a Noi.
Voi siete i miei figli, e non crediate che vi abbandoni. Siete liberi nelle vostre scelte, il mio è solo un invito ad un retto cammino.
Dio vi ama tanto, ma voi non Lo comprendete. Dio è onnipotente, Dio è clemente, Dio è misericordioso, ma non interviene sempre in questa terra, perché allora non sareste liberi, sareste condizionati e obbligati. Il Suo desiderio è quello di avere delle anime che hanno liberamente scelto la retta via.
Io vengo soltanto per aiutarvi: sono la vostra Madre. Siate sempre attenti alle tentazioni, lottate il male nel nome di Dio, perché sia glorificato e proclamato vincitore del male.
Desidero tanto che le vostre preghiere in questi giorni raddoppiassero per la pace nel mondo e per la missione dei ministri di Dio, illuminati dallo Spirito Santo.
Vi benedico nel nome della Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò il primo giorno non del prossimo mese, ma dell’altro. Andate e agite secondo l’amore.
Lunedì 1 settembre 1986 (roccia di Belpasso)
Figli miei, che Dio sia con voi e fate che Lo sia con quelli che Lo hanno in sé.
Chi non ha Dio in sé ha una grande necessità di averLo, perché senza di Lui, non ha di che cercare in questo mondo da portare al nostro: senza la forza del Santo Spirito nulla sta nell’uomo.
Chi cerca valori su questa terra, ricordi che nulla, alla fine, porterà con sé: solo l’anima gli sarà richiesta e solo quella sarà giudicata.
Non dimenticate che tutto ciò che farete, nel bene e nel male, sarà pesato.
R: Madonnina, desideri qualcosa da noi?
M: Desidero che ricorriate ai doni dello Spirito Santo. Vi spiegherò l’importanza di questi doni, in modo che ve ne possiate servire meglio.
I doni dello Spirito Santo sono sette, ma questi ve ne svelano degli altri anch’essi importanti: Sapienza, Intelletto, Consiglio, Fortezza, Scienza, Pietà, Santo Timore di Dio.
I primi tre formano un albero dalle solide radici.
La Sapienza ha origine dalla Sacra Bibbia, la fonte della verità, dono di Dio. Tutto ciò che vorrete sapere sui voleri di Dio nei confronti dei Suoi figli, lo troverete per mezzo dello Spirito Santo.
L’Intelletto: molti pensano di possederlo, ma in verità solo lo Spirito Santo potrà suscitare questo dono e renderlo Sua volontà, volontà d’amore.
Il Consiglio è la conseguenza dei primi due doni, tutto ciò che avrete in voi per mezzo dello Spirito Santo, sarà per voi il consiglio dettato da Dio. Ricordatevi di invocare sempre lo Spirito Santo, meditate sulle mie parole, i vostri occhi vi saranno aperti. Vi porterò alla via dell’amore, vi guiderò con un’ottima luce, vi porterò all’ottima casa: quella del Signore.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo…. ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire? E quando verrai?
M: Verrò fra cinque giorni. Cercate di aprirvi al mio Figliol Gesù e ricevetelo nella S. Comunione, purificatevi e fate parte sempre delle Sue greggi. Il Suo Cuore Sacratissimo arde per voi, siate Suoi degni soldati nella lotta contro il male.
Sabato 6 settembre 1986 (roccia di Belpasso)
Figli miei, la pace sia con voi.
L’umanità deve eliminare dal proprio cuore il rancore e l’odio. Il Mio amore porterà la pace ai vostri cuori. La pace è la via per il migliore scioglimento di quei cuori ormai impietriti dal rancore e dall’odio.
Desidero far luce sugli altri rimanenti doni dello Spirito Santo.
La Fortezza e la Scienza sono l’uno conseguenza dell’altro.
La Fortezza: la forza morale è il dono che vi consente di sopportare le sofferenze con pia fermezza.
La Scienza è la sintesi dei doni, la luce per i dubbiosi.
La Pietà: propaga fede e dolcezza, è vicina soprattutto ai missionari; propaga le preghiere.
Questi Santi Doni dello Spirito Santo, se non irradiati dal Santo Timor di Dio, non hanno alcun valore. Il Timor di Dio è il rispetto alla Santissima Trinità, perché è il Padre che vi ama e, amandovi, per mezzo del Suo Figlio vi salva e per mezzo dello Spirito Santo vi santifica.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo…. Ora devo andare.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò fra dodici giorni.
Giovedì 18 settembre 1986 (roccia di Belpasso)
Figli miei, oggi desidero ricordarvi la penitenza: offritela per la conversione dei poveri peccatori. Vi invito a non essere giudici del vostro prossimo, badate che solo un giudice non può sbagliare: Dio è giustizia infinita.
Desidero che nessuno dica di non aver peccato, perché così sbaglia e quindi pecca. Ricordatevi a tal proposito la parabola del fariseo e del pubblicano.
R: Madonnina, posso farti una domanda? Com’è il cielo?
M: E’ impossibile descrivere qualcosa che non è di questo mondo. L’amore del cielo è immenso. Infinito è l’amore di Dio.
Gesù cerca i peccatori, li invita e li accoglie affinché si pentano ed Egli li possa perdonare. Il Suo Cuore è aperto a tutti, perché tutti conoscano il Suo amore.
Desidero indicare all’umanità la via del cielo, nell’amore perfetto del Signore.
La pace viene dall’amore, sappiatevi amare, ma soprattutto perdonate, abbiate dei cuori di fanciulli, perché degni di Dio: amore, amore, amore sempre donato a Dio.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro?
M: Desidero che si continui a recitare il Rosario, e che si legga più spesso il Santo Vangelo, Parola di Dio, che sia nella vostra mente, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori…. Ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò non nel prossimo, ma nell’altro mese, alla ricorrenza di Cristo Re. Non porterai tutto ciò che hai portato le altre volte. Potrai dire delle mie apparizioni a qualche persona, ma che sia credente.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Sia il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime.
Domenica 23 novembre 1986 (roccia di Belpasso) – Cristo Re
Figli miei, oggi vi invito particolarmente a far regnare nel vostro cuore Gesù Cristo e la Sua parola, perché regna la pace dove regna il Signore. Le vostre famiglie devono essere piccole oasi di pace, devono essere un piccolo segno della futura venuta del regno di Gesù Cristo. Però il regno di Gesù verrà per mezzo Mio; il Mio Cuore deve trionfare e poi ci sarà l’ultimo e grande trionfo del Cuore di Gesù. Per questo i miei figli, quelli veri, devono entrare nel rifugio sicuro del Mio Cuore.
Il mondo è stracolmo di ingiustizie, di oppressioni, di peccati.
Le nazioni del mondo dipendono da due nazioni più grandi, ma tutte sbagliano. In America, e negli stati che dipendono da essa, il troppo liberalismo ha fatto diventare il peccato una cosa lecita e l’indifferenza contro il fratello bisognoso che muore di fame e di stenti, una cosa necessaria.
In Russia e negli stati che dipendono da essa, invece le troppe costrizioni, la fame e le persecuzioni contro la Chiesa, hanno ridotto l’uomo quasi quanto un animale insignificante. Quante spine sono state inflitte nel Mio Cuore, e quante me ne stanno infliggendo per i loro errori che hanno sparso su tutta la terra.
Che le nazioni stiano attente perché la potenza della mano di Dio potrebbe abbattersi su di loro.
Per questo motivo desidero che non solo si converta la Russia e la si consacri al Mio Cuore Immacolato, cosa che presto avverrà, ma che si converta anche l’America.
Che il regno del Signore Gesù Cristo venga presto, e che ci sia l’avvento dell’era di giustizia, di carità e di pace.
Sia il S. Vangelo, la parola di Dio, nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro per oggi. Andate e agite secondo il Vangelo, operando nel bene. La mia benedizione sia con voi: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…. Ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese. Verrai soltanto tu con tua madre, non portare altre persone. Reciterai il rosario con Me.
Lunedì 1 dicembre 1986 (roccia di Belpasso)
La Madonna mi invitò a recitare il S. Rosario con Lei.
Io accettai.
La Madonna incominciò con il segno della croce. La croce del Suo rosario la teneva appoggiata sul Suo Cuore Immacolato, con la mano destra, mentre con la mano sinistra faceva scorrere i grani.
R: O Dio vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto.
M: Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.
Nel primo mistero gaudioso l’Angelo Gabriele mi annunziò che Io avrei avuto un Figlio per opera dello Spirito Santo.
La Madonna recita la prima parte del Padre Nostro, e Rosario la seconda.
R: Dieci Ave Maria.
M: Gloria.
R: O Gesù mio, perdonate le nostre colpe….
M: Nel secondo mistero gaudioso feci visita a Santa Elisabetta.
La Madonna recita la prima parte del Padre Nostro, e Rosario la seconda.
R: Dieci Ave Maria.
M: Gloria.
R: O Gesù mio, perdonate le nostre colpe….
M: Nel terzo mistero gaudioso nacque Gesù e il Verbo si fece carne ed abitò fra noi.
La Madonna recita la prima parte del Padre Nostro, e Rosario la seconda.
R: Dieci Ave Maria.
M: Gloria.
R: O Gesù mio, perdonate le nostre colpe….
M: Nel quarto mistero gaudioso presentai Gesù al tempio, un profeta Mi annunziò che una spada Mi avrebbe trapassato il Cuore.
La Madonna recita la prima parte del Padre Nostro, e Rosario la seconda.
R: Dieci Ave Maria.
M: Gloria.
R: O Gesù mio, perdonate le nostre colpe….
M: Nel quinto mistero gaudioso dopo tre giorni di ricerca trovai Gesù fra i dottori della Legge.
La Madonna recita la prima parte del Padre Nostro, e Rosario la seconda.
R: Dieci Ave Maria.
M: Gloria.
R: O Gesù mio, perdonate le nostre colpe…. 1 Pater, 1 Ave, 1 Gloria, Salve Regina, Recita delle Litanie.
Madonnina, ti ringrazio per questa bella recita del rosario.
M: Questo sarà l’ultimo dei nostri frequenti incontri.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò fra sette giorni. In quella data non sarai solo. Comincerò a venire meno spesso e annunzierò al popolo di Dio la via dell’amore.
Lunedì 8 dicembre 1986 (roccia di Belpasso) – Immacolata Concezione
Figli miei, vi ho radunato in questo luogo per ricordarvi di non perdervi nel peccato, di non cedere alla tentazioni che vi rendono legati alle piccolezze umane.
Non dimenticate che Gesù è morto per portare su di sé i peccati del mondo e per redimervi.
Nel vostro intimo chiedetevi come avete reso grazie per il grande sacrificio fatto da Gesù.
Il Signore è fedele al suo patto, voi invece distratti ve ne dimenticate, ve ne ricordate solo nei momenti del bisogno e nell’ora estrema.
Gesù tante volte è lasciato abbandonato e poco riverito in certi tabernacoli dell’altare, Egli però, nella Sua infinita Misericordia, vi promette l’assistenza in punto di morte con i SS. Sacramenti, a chi ogni primo venerdì del mese, per nove mesi consecutivi, si confesserà e si comunicherà.
Desidero che tutti i miei figli vengano con Me in cielo, quindi anch’Io prometto di assistere in punto di morte tutti coloro che ogni primo sabato del mese, per cinque mesi consecutivi, si confesseranno e si comunicheranno, reciteranno il Rosario e mi terranno compagnia un quarto d’ora meditando i 15 misteri del Rosario col fine di offrirmi riparazione.
Che si faccia il digiuno per la conversione dei peccatori e per fare penitenza.
Che il S. Vangelo, la Parola di Dio, sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
Abbandonatevi al Sacro Cuore di Gesù e al Mio Cuore Immacolato: consacrate le vostre famiglie ai Nostri Cuori, porteranno pace alle vostre anime.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.

1 gennaio 1987
Attorno a Rosario già comincia a radunarsi tanta gente. Sono quasi 1000 le persone che via via venute a conoscenza del fatto sono presenti all’apparizione. Il giovane, ricevuto il messaggio, lo trascrive su un foglietto che viene poi divulgato attraverso fotocopie. La Vergine si presenta con il titolo di Regina della Pace, e chiede conversione e amore verso Gesù.
Io sono la Regina della Pace, Regina Pacis, Kralice Mira, Reine de la Paix, the Queen of Peace, Konigin des Friendens. Io sono Maria Madre di Dio.
Desidero che entriate nel Mio Cuore con tanta umiltà e tanto amore, desidero che recitiate ogni giorno il Rosario, desidero che vi comunichiate, che vi confessiate, in modo da essere sempre più degni dell’amore di Cristo.
Grande è il dolore di mio Figlio, perché questo nuovo anno sarà lo stesso, ci saranno peccati, ci saranno oltraggi anche alla Chiesa.
Non si offenda più il Santo Padre che è già tanto offeso, ma soprattutto Gesù, afflitto dai peccati del mondo. Offrite riparazione con le vostre preghiere, ma che siano col cuore e con la vostra speranza in Dio, nella speranza della Sua venuta.
Benedite ora e sempre la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo perché propagatrice di amore e di pace nei vostri cuori.
Vi chiedo sempre fedeltà al Mio Cuore e chiedo la conversione del mondo, che si consacri soprattutto al Sacratissimo Cuore di Mio Figlio ed anche al Mio: solo il Nostro amore vi porterà la pace.
Dite la preghiera, spesso, alle Sante Piaghe di Gesù, perché con il Suo sacrificio sulla Croce, Egli vi ha dato un’altra vita, vi ha dato la vita, unica vita eterna. Gesù vi chiede amore e viene con misericordia, chi non Lo vuole come misericordia Lo avrà come giudice.
Portate sempre l’amore nei vostri cuori, siate sempre più degni del Cuore Sacro di Gesù, portate la parola del Vangelo per le strade, in famiglia e in tutto il mondo, perché l’unico faro, l’unica vita e via è mio Figlio, il Redentore, il Salvatore, il Vincitor degli Inferi nell’infinità dei secoli.
Con questo vi voglio dire di invocare sempre lo Spirito Santo, perché sia giusto che tutti gli uomini possano avere in sé un vero compagno fedele, un compagno spirituale che vi possa rendere spirituali nell’amore di Cristo.
Ascoltatemi, Io sono la vostra Madre e so che Lo invocate poco.
Donerò pace all’umanità solo quando ci sarà il trionfo del mio Cuore e così di quello di mio Figlio.
Sia sempre il Santo Vangelo, verbo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, nelle vostre menti, che sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire e tutto questo per voi, per salvare i miei figli prediletti.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
Rosario chiede alcune cose personali alla Madonna e di dare un segno.
M: Darò un segno a prova delle mie apparizioni. Siate sempre benedetti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Sia sempre il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime.
Ricordatevi, il mio Cuore trionferà.
Dopo che la Madonna salì al cielo, il sole cominciò a muoversi cambiando di colore (rosso, verde, azzurro) e sdoppiandosi facendo riflettere i vari colori anche sulle persone e sulle cose.
1 febbraio 1987
La notizia delle apparizioni è ancora poco nota. A Belpasso pochissime persone ne sono a conoscenza. Alle 12 esatte, durante l’apparizione, ci sono circa 2000 persone attorno alla roccia. Per lo più provengono da Catania e dai centri più vicini della provincia. Molti fra questi asseriscono di aver visto, durante i momenti del dialogo di Rosario con la Madonna, una pioggia di fili argentei fuoriuscire dalla sfera solare e poi posarsi sul terreno attorno.
Io sono la Regina della Pace: pace agli uomini di buona volontà.
Il Dio della pace è in mezzo a voi, il Figlio Redentore è in mezzo a voi, sia gloria a Dio nell’alto dei cieli: nel nome di Cristo io vengo e porto la pace. Desidero che recitiate ogni giorno il Rosario, che vi comunichiate, che vi confessiate: portate riparazione al Cuor Sacro di mio Figlio che è già tanto offeso. Nel nome di Cristo io vengo a voi. Si rifletta la luce del Mio Cuore dai vostri cuori, perché tanto bisognose sono le mie anime, i miei figli, di pace.
Figli miei, Io vengo a voi per insegnarvi il vero amore di Cristo; impegnatevi al massimo nei santi insegnamenti che Io, per volontà di Gesù Cristo, voglio infondere in voi, nelle vostre anime, nei vostri cuori.
Costruite la vostra vita eterna sin da questo luogo; costruite il vostro amore ascoltando Gesù il mio Figlio prediletto in questo luogo; costruitevi la vita eterna perché tanto vuota questa vita dell’amore per Cristo.
Cercate di riempire questo vuoto con le vostre preghiere: ascoltatemi, figli miei.
Abbandonatevi totalmente a me, siate più aperti nelle preghiere: rendetevi conto che quando pregate parlate con Dio.
Dovete essere con tutti voi stessi immersi nella preghiera, perché solo così Dio potrà ascoltarvi.
INFERNO
Dopo un po’ la Madonna accostò le sue mani l’una accanto all’altra aperte. Dalle palme uscì una luce intensa che cadde a terra un po’ più avanti dove io ero inginocchiato: io guardai e vidi che la terra si spaccò. Dentro quella specie di profondo fossato vidi un mare di fuoco, dove erano immerse delle persone che bruciavano e gemevano, ed il loro colore variava dal color carbone a quello bronzeo. C’erano anche degli animali di una specie sconosciuta e non esistente su questa terra. Io spaventato alzai gli occhi alla Madonna e le dissi: "Madonnina, salvali!"
La Madonna rispose: "Sono le anime dell’inferno, sono coloro che non solo hanno dimenticato Dio, ma l’hanno offeso indifferenti di Gesù e delle Sue Leggi".
PURGATORIO
Sotto i piedi della Madonna c’era la nuvola che si aprì. Dentro di essa vidi tante anime vestite di tante tonalità di marrone: dal più scuro al più chiaro. C’era tanta attesa e tante preghiere, specialmente supplichevoli. Molto lontano vi era una bellissima luce alla quale tutte le anime volevano stare vicine, specialmente quelle vestite di marrone chiaro. Dopo la nuvola si chiuse.
La Madonna disse: "Sono le anime del purgatorio, dove vanno la maggior parte dei cristiani, attendono le vostre preghiere per godere la vista del Signore".
PARADISO
In alto, nel cielo, sopra la testa della Madonna, vidi tante anime tutte vestite di bianco candido e splendente, i loro volti emanavano luce ed erano gioiosi. Tutti cantavano la lode e la gloria a Dio. Sopra queste liete anime, vi era un’immensa luce che cadeva su di loro e si rifletteva tra loro. Quella era la luce di Dio. Tutto poi svanì.
La Madonna disse: "Sono le anime del paradiso, sono coloro che hanno realmente meritato la vista del Signore, purtroppo poche anime vanno in paradiso. Tutti saranno giudicati da Dio, giustizia infinita. Quando reciterete il Rosario, dopo ogni decina aggiungete lodevolmente queste parole:
O Signore Iddio, che per mezzo dello Spirito Santo, diffondete il Vostro Santo Amore sulla Chiesa, abbreviateci il dolore al purgatorio e rendeteci sempre più degni della vista del paradiso. O Gesù mio, perdonate le nostre colpe, preservateci dal fuoco dell’inferno, portate in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della vostra misericordia.
Molti chiedono grazie, ma fin quando non vi saprete aprire totalmente a Me, al Mio Cuore, a Dio, non potrò concedervele: se sarete innalzati, se vi innalzerete a Dio con tutta la vostra anima, al punto di abbandonare le vostre esigenze corporali, la grazia ci sarà. Cercate di seguire i miei insegnamenti con più attenzione, meditate le parole del Santo Vangelo e portatele in tutto il mondo e che sia parola in tutti gli uomini.
Ancora oggi il Mio Cuore è trafitto dal peccato; ancora oggi il Cuore di Mio Figlio è trafitto dal peccato, offrite riparazione: ve lo chiede la vostra Madre desiderosa della pace nel mondo. Siate sempre benedetti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: sia il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime. Sia il Santo Vangelo nelle vostre menti, che sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese. Un giorno molti si accorgeranno della potenza divina di Mio Figlio e tutto questo accadrà quando ci sarà il trionfo del Mio Cuore.
1 marzo 1987
Per questo inizio del mese si verifica il primo grande afflusso di pellegrini. Sono circa 30.000 le persone strette attorno al "masso" e disseminate per le sciare attorno. Tutti si aspettano di vedere un segno tangibile, che provi la presenza della Madonna. Il cielo è nuvoloso, e a tratti piove. Poco prima di mezzogiorno però, cessa di piovere, e il sole fa capolino più di una volta dalla fitta coltre di nubi. Molte delle persone presenti dicono di aver visto il sole girare su se stesso e raggi di colore argenteo brillare nel cielo.
Figli miei, sono venuta per avvisarvi.
Figli miei, il mio avviso è legato alla vostra salvezza.
Figli miei, aprite i vostri cuori, voglio strapparvi dal male, voi cadete spesso nelle tentazioni che ogni giorno esso mette sotto i vostri occhi.
Figli miei, mio Figlio vi chiama, ma voi siete sordi alla Sua chiamata. Mio Figlio è sempre con voi, ma voi siete ciechi. Per qual motivo credete che Io venga a voi?
Voi conoscete la necessità di pregare, specialmente in questo periodo. Aprite i vostri cuori, gioite per l’amore che Gesù vi dona, rendetevi conto a che cosa rinunciate. Capitelo e pregate!
R: Madonnina, ti prego, fai qualche miracolo alla gente che ha bisogno di Te.
M: A tutti coloro che desiderano grazie, dì questo: credete fermamente alla vostra guarigione e correte a comunicarvi e a pregare. Vi invito ancora una volta a riflettere e a guardarvi attorno….quel che succede nel mondo non necessita forse di preghiere e conversione? Pregate sempre…pregate. Pace… Pace… Pace! Ti affido importanti segreti e non li svelerai a nessuno.
La Madonna mi rivelò 12 segreti: 2 personali e 10 per le sorti dell’umanità.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese….ora devo andare.
R: Madonnina, ti prego, dà un ultimo messaggio a tutta l’umanità.
M: Convertitevi…presto, non c’è molto tempo, pregate per la pace nel mondo. Sia sempre il Santo Vangelo, Parola di Dio, nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime.
1 aprile 1987
La solita enorme folla di visitatori si raduna fin dalle prime ore del mattino sul luogo. Il gruppo dei volontari locali si prodiga per accogliere ordinatamente i pellegrini, e soprattutto gli ammalati che giungono numerosi dalle varie parti della Sicilia.
Prima dell’evento, nella mattinata, Rosario Toscano rende nota la scelta del Padre Spirituale. E’ Padre Dino Magnano dell’oratorio di San Filippo Neri di Acireale. Una scelta che tutti intuivano vista l’affinità spirituale che li accomunava, pur conoscendosi da poco.
Durante questa apparizione, come del resto nelle precedenti, secondo le testimonianze di molti, si sarebbero verificati diversi prodigi solari.
Figli miei, vengo qui in mezzo a voi perché vi amo e desidero salvarvi. Il figliuol prodigo deve ritornare al Padre, perché sia nella Sua Grazia.
Si avvicina la commemorazione della Resurrezione di Cristo Signore ed in proposito vi ricordo il digiuno, l’astinenza e la Santa Messa: confessatevi, comunicatevi. Il Signore è bontà e misericordia infinita, vi invito perciò a lodarlo perché è il giorno del Signore.
Figli miei, vi raccomando ancora una volta i digiuni, perché la S. Pasqua sia un giorno che non riempia le vostre mense tanto fredde e distaccate dal vostro prossimo che vive in povertà, ma che riempia i vostri cuori d’amore, di gioia e lode al Signore. Vi ricordo le preghiere, desidero la conversione, è necessaria la pace….in tutto il mondo.
Che cosa se non la pace vi potrà salvare? La misericordia di Dio sarà la vostra occasione per chiedere perdono, per chiedere ed ottenere la pace del vostro intimo, per poi rifletterla al mondo, al vostro prossimo.
Desidero ancora che vi consacriate e confidate al Mio Cuore.
Desidero che ogni lode e gloria siano rivolte al Cuore Sacro di Mio Figlio, perché Egli vi ha donato la resurrezione. Non temete nulla perché Dio è con voi e la Sua bontà nulla vi fa mancare; la Sua bontà vi protegge dal male, ma voi dovete essere sempre suoi umili servi. Cari figli, dovete donarvi a Dio, perché ci sono gravissime punizioni per l’umanità
R: Madonnina, come dobbiamo fare e che cosa?
M: Rinunciate al peccato, è necessaria la preghiera, la comunione, la penitenza, desiderate tutto questo: amate, e il Signore spanderà su di voi la Sua Grazia, la Sua Misericordia, riempiendo i vostri cuori e le vostre anime di pace.
R: Madonnina, ma noi la desideriamo la pace.
M: Non basta desiderarla, bisogna metterla in atto con il prossimo: amate, perdonate, pregate e vi sarà pace. Lodate il Signore per quel che vi dà, contemplate le meraviglie del Suo Amore grande e sconfinato. Non cercate altro, anzi propagate l’amore di Gesù predicando e vivendo il Santo Vangelo, Parola di Dio: che sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire, se Dio me lo permetterà.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese. Voi però pregate….pregate.
1 maggio 1987
La folla è strabocchevole: sono oltre 50.000 le presenze. L’organizzazione approntata dal volontariato locale, fra cui la Misericordia, assieme alle forze dell’ordine contengono però ordinatamente l’afflusso di gente.
Scoppia invece la polemica, quando Rosario Toscano, subito dopo aver letto il messaggio, legge presso la roccia lo stralcio dove la Vergine esprimerebbe il desiderio che si costruisca una cappella in suo onore.
Molti dei presenti già sul posto cominciano a parlare di speculazione. La stampa avvalora questa supposizione (per altro risultata poi infondata) con una intensa campagna giornalistica. La gente comunque nei giorni successivi continua a recarsi alla roccia e a pregare devotamente come prima. Riguardo alle testimonianze raccolte in quel giorno, molte persone asseriscono di aver visto una nuvola di colore giallo oro posarsi sulla roccia, mentre una colomba, dopo aver volteggiato attorno alla roccia, spariva nel sole.
Figli miei, ringraziamo Dio che permette ancora che Io venga qui in mezzo a voi per parlarvi e per portare nei vostri cuori la pace di cui l’umanità ha tanto bisogno. Dio fa tanto per voi, e vi ricolmerà della Sua Grazia se voi sarete perseveranti nella preghiera, nella penitenza, nel digiuno, nell’essere presenti anche con il vostro cuore alla S. Messa: confessatevi, comunicatevi.
Desidero che voi sentiate la necessità di santificare le vostre anime. Ci sono troppi peccati con i quali Gesù è offeso. Siate più aperti con il vostro cuore, amate Dio. Che l’anima vostra magnifichi il Signore e che il vostro spirito esulti in Dio vostro Salvatore. La Sua misericordia si stende su quelli che lo temono e che sono umili di cuore. Disperde i superbi, rovescia i potenti.
Figli miei, siate umili con cuore: abbiate sempre il santo timor di Dio. La misericordia di Dio è infinita, ma Dio è anche giustizia infinita. Dio è con voi, in mezzo a voi. Il Signore è vostro pastore e voi non mancate di nulla, ma voi siate realmente il Suo gregge.
La via del Signore è l’Amore e la pace. Siete sempre disposti a seguirlo? Dio ha la Chiesa, la Chiesa è la vostra guida, il Signore è il vostro pastore e i Suoi ministri sono il suo strumento.
R: Madonnina, alcune persone non seguono più Dio perché dicono che ci ha abbandonati in questo periodo.
M: Sperate nel Signore ed Egli si volgerà a voi. Tante volte vi scoraggiate per le avversità che vi si presentano, ma se voi ricevete una sofferenza, sperate che il Signore vi dia la forza per sopportarla ed offritegliela per la conversione dei peccatori. Tante volte Dio vi ha aiutati, ma voi non avete sperato.
R: Madonnina, cosa dobbiamo fare?
M: Siate sempre pronti a ricevere le missioni o le sofferenze che il Signore vi ha affidate, e sappiate adempiervi secondo la Sua volontà. Non cercate invano di capire la Sua volontà, perché grandi sono le opere del Signore. La vostra guida è il Santo Vangelo, la Parola di Dio: che sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro?
M: Desidero che si continui a recitare il Rosario, e che si dica ai sacerdoti di costruire, secondo la volontà di Dio, una cappella in mio onore, e che si conosca il culto del Cuore Immacolato di Maria, Regina della Pace. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 giugno 1987
Nonostante il sopraggiungere del primo caldo della stagione, una moltitudine calcolabile intorno alle 50.000 persone affluisce nella zona attorno alla roccia.
L’appuntamento con la Madonna , essendo in vigore l’ora legale, è sempre per le 13 esatte. Grande interesse suscita fra la popolazione parte del messaggio che il ragazzo avrebbe ricevuto anche questa volta. La Vergine invita i sacerdoti a recarsi in processione alla roccia e quindi esprime, separatamente, il desiderio che la vigilia della festa del S. Cuore di Gesù (25 giugno) si vada in processione sempre sul luogo e si preghi fervorosamente.
Figli miei, vengo ancora una volta per ricordarvi la vittoria di Gesù mio Figlio sulla morte. La volontà di Dio è che io venga a voi e che voi veniate a Me. Il mio compito è di portare la pace.
Desidero che si continui a recitare il Rosario, che si digiuni e che si partecipi alla S. Messa: comunicatevi, confessatevi…fate penitenza.
Dello Spirito del Signore è piena la terra, adorate il Signore, amate il Signore, perché si compiaccia dei suoi figli. Rendete grazie al Suo Amore, alla Sua Misericordia, che tutta la terra Lo esalti.
Siate pieni dello Spirito del Signore, invocate il Suo Spirito, vi riempirà di grazia con i Suoi Santi doni. Aprite i vostri cuori al vostro Dio.
Figli miei, invocate lo Spirito Santo perché solo così potrete santificare le vostre anime.
R: Madonnina, come si fa ad invocare bene lo Spirito Santo?
M: Abbandonatevi totalmente a Me, al Mio Cuore: Io sono la dimora dello Spirito Santo. Non temete, perché colui che ha realmente fede riuscirà ad ottenere ogni cosa che chiederà al Padre nel nome di Gesù. Vengo solo per aiutarvi nella vostra fede in Dio, in tal modo aiuto anche la Chiesa nel suo cammino. Cantate sempre la lode e la gloria nei secoli al vostro Dio. L’umanità ha dimenticato mio Figlio ed il Suo Sacrificio: non continuate più ad offenderlo con la vostra indifferenza. Gesù Eucaristico vi invita e vi accoglie alla Sua Mensa.
Non rifiutate più i SS. Sacramenti della Confessione e della Comunione, perché così rifiutate di salvarvi. Il Signore è la vostra gloria, voi siete il Suo popolo e dovete amarLo ed obbedirLo come il vostro unico Padre: rimettetevi alla Sua Santa Volontà.
R: Madonnina, parla all’umanità dell’Amore di Dio per i Suoi figli.
M: Il Signore è buono e grande nell’amore, ma Dio è incomprensibile dall’uomo e segreti sono i progetti per ognuno di voi. Confidate in Me perché Io accresca in voi ciò che è gradito a Dio e vi aiuti nella vostra missione. Sia il S. Vangelo, Parola di Dio, nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: Desidero che si dica ai Sacerdoti di venire qui in processione per pregare. Desidero che un giorno prima della ricorrenza del S. Cuore di Gesù veniate qui ad invocare la Regina della Pace con fervorose preghiere. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 luglio 1987
Tutti si aspettano, com’è naturale, che faccia caldo. Ma inaspettatamente con grande gioia dei più sofferenti che giungono sul luogo, la giornata è fresca e alquanto nuvolosa. La folla è di circa 45.000 persone. Rosario Toscano sempre accompagnato dai genitori e da Padre Dino Magnano scende presso la roccia straripante di fiori, verso le 12. Alle 13 ha quindi luogo l’apparizione. Dopo dieci minuti esatti, appena il ragazzo, finita la preghiera di saluto si rialza da terra, cominciano a cadere grosse gocce di pioggia. La folla cerca qua e là riparo. Molti si inzuppano da capo a piedi, e tuttavia rimangono per ascoltare il messaggio che Rosario legge dal balcone di casa sua, lì vicino. La Madonna avrebbe detto a conclusione, poco prima che piovesse, "Vi benedico con l’acqua santa". A questo punto nessuno si è preoccupato di rimanere a lungo bagnato. E da quanto si sa, neppure gli ammalati cronici di malattie respiratorie avrebbero riportato malanni, sembra anzi che qualcuno sia stato guarito.
Figli miei, desidero farvi lieti con la Mia venuta, e donarvi realmente la pace di cui Io sono Regina. Desidero che si continui a recitare il Rosario e che si frequentino più spesso, specialmente in questo mese che è il più provato dalle tentazioni, i SS. Sacramenti della Confessione e della Comunione. Vi invito a ricevere più sentitamente i Miei messaggi e ad ascoltare i Miei consigli: digiunate spesso, ma almeno una volta al mese. Fate penitenza ed offrite riparazione al Cuor Sacro di Gesù ed al Mio Cuore Immacolato.
Vi invito anche ad unirvi a Me nel benedire il Signore umile Re di Gloria. Una gloria a cui voi potete unirvi se accetterete di salvarvi seguendo il vostro Re. Una gloria che non ha valore se non in cielo, con gli Angeli e con tutti i Beati. Siate sempre più degni nel godere un giorno del Volto del Signore. Che il Signore visiti la terra e benedica i suoi germogli. Il Signore venga a voi con la Sua mitezza e con tutto il Suo splendore, venga e visiti la terra: donate i vostri cuori al Signore perché benedica voi e tutti i germogli della terra che ha creato. Non siate ingrati, perché Egli che è offeso dalla vostra indifferenza è Misericordioso, ma è anche Giudice del vostro operato.
R: Madonnina, perdona i nostri peccati.
M: Il Signore è buono ed è Lui che vi perdona. In questo periodo, sarete più tentati a peccare, cominciate a fare penitenza e partecipando non solo una volta, ma più volte alla settimana alla S. Messa, ed in questo mese confessatevi ogni domenica: ascoltatemi, cari figli, perché così camminerete su una retta via.
Fate in modo che tutti i vostri peccati vi vengano rimessi, in tal modo non sarete ostacolati nel santificare le vostre anime.
Siate più obbedienti alla legge del Signore, essa sarà la vostra gioia. È l’unica legge della vostra vita, è infallibile, è la vostra guida.
Che la Chiesa continui a guidare ilo popolo di Dio, e che i fedeli e i Sacerdoti siano un unico cuore nella lotta contro il male. Cari figli, non create divisioni fra di voi, ma siate uniti voi che siete il popolo eletto.
Che il S. Vangelo, la Parola di Dio, sia nelle vostre menti, sia nei vostri cuori, ma soprattutto che sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro dalle persone qui presenti, ma da te. È giusto che tutti conoscano gli altri messaggi delle mie precedenti apparizioni. Li leggerai poco alla volta ogni sabato, e fa in modo che tutti li ascoltino.
Vi benedico con l’Acqua Santa, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese
1 agosto 1987
Niente di particolare sembra caratterizzare questo raduno di preghiera di fervente devozione, se non la presenza sempre più numerosa di gente proveniente da fuori. Non solo da tutto il Meridione, ma anche da altre regioni d’Italia (Toscana, Umbria, Lazio) tante persone giungono a Belpasso per assistere all’evento. Molti gli ammalati animati dalla speranza della guarigione. Nel messaggio di questo mese, la Madonna richiama ancora una volta io suoi figli alla preghiera, alla penitenza e alla vigilanza contro i pericoli dell’estate.
Figli miei, vengo soprattutto perché con i miei messaggi desidero portarvi ad un retto cammino; sappiate che voi sarete salvi se ascolterete e metterete in atto ciò che Io vi consiglio. Vado perpetuando la mia richiesta ed il mio desiderio di preghiere da tempo ormai. È giunto il momento di rendere la vostra vita diversa, mettendola alla luce del Signore Gesù. Non potete e non dovete essere così freddi ad un richiamo così dolce proveniente da Dio. Riflettete, figli miei: non è forse Gesù che è morto per voi? Non è forse Gesù che è risorto per voi? Non è forse Gesù la via, la verità e la vita? Gesù è la vostra salvezza. Non potete dire che Dio non vi ama soltanto perché non accoglie sempre le vostre richieste così materiali. Il Signore apre la sua mano e sazia ogni vivente. Il banchetto del Signore non è una mensa ricca di piaceri materiali e soddisfazioni che non riempiono il cuore. La mensa del Signore è il cibo della vita eterna, solo così il vostro cuore potrà essere ricolmato dell’amore di Gesù. RingraziateLo con questa preghiera e offrite la vostra S. Comunione il giovedì di ogni settimana per lo scioglimento dei cuori impietriti dei poveri peccatori.
O Gesù, è dolce avervi nel mio cuore, desidero ardentemente il vostro amore. Deh, il vostro Sacro Cuore Misericordioso io supplico, adoro, prego ed amo, e chiedo per le Sue Sante Virtù lo scioglimento di quei cuori ormai impietriti, la purificazione e l’infervoramento per accostarli così al SS. Sacramento di cui Voi, Gesù mio, ci fate parte.
Il Signore vi dona la sua presenza di pace. Desidero che voi tutti sentiate la presenza di Dio in mezzo a voi e dentro di voi, in modo da essere in pace con gli altri e con voi stessi.
Popoli tutti lodate il Signore, ma questa lode non sia vuota.
R: Madonnina, sei contenta delle nostre preghiere?
M: Non molto: una parte ha messo in atto i miei consigli, un’altra parte non è stata perseverante, ma la maggior parte è rimasta indifferente. Vi chiedo ancora ciò che vi chiesi lo scorso mese: confessatevi ogni domenica e partecipate più volte alla settimana alla S. Messa. Continuate a recitare il S. Rosario.
Nella Sua bontà il Signore non vi abbandona perché voi siete il Suo popolo, ma voi non voltategli le spalle, ma tenetelo sempre presente nella vostra vita. Che l’anima abbia sete del Signore. Il Signore venga a voi e renda sempre pieni d’amore, di pace e di bontà i vostri cuori. Che il S. Vangelo, la Parola di Dio, sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: Desidero che ogni venerdì facciate un’Ora Santa dedicata a Gesù in riparazione degli oltraggi, sacrilegi e indifferenza con cui Egli stesso viene offeso. Fate penitenza e digiuni, soprattutto in questo mese provato dalle tentazioni. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 settembre 1987
Qualcosa di particolare avviene durante questa apparizione. Come di consueto nelle sciare attorno al quartiere di Borrello c’è la solita folla. Il clima è ancora abbastanza caldo, a tratti però spira un fresco venticello che ristora appena dalla calura e dalla stanchezza dell’attesa. Alle 13 esatte Rosario Toscano si inginocchia e inizia il colloquio con la Vergine. Dopo alcuni minuti i presenti vedono il ragazzo prima baciare la terra e poi successivamente alzarsi e protendersi verso la roccia. Rimane poi per un po’ quasi aggrappato alla roccia, in un atteggiamento di visibile trasporto verso la "Visione".
Chi si trova li vicino comprende quasi subito il significato del gesto compiuto, che sarà reso chiaro quando il ragazzo leggerà ilo messaggio.
Durante il colloquio Rosario aveva chiesto alla Madonna di poterLe baciare i piedi. La Vergine avrebbe risposto di si, a condizione che prima baciasse la terra, in segno di penitenza per tutti i peccatori.
Figli miei, venite a Me, vi porterò a Gesù. Questo è il mio invito principale che rivolgo al vostro cuore, e affinché voi possiate riceverlo meglio, siate costanti nella preghiera. Date sempre una maggiore importanza alle preghiere, impiegate più tempo per Dio. Cari figli, con un incessante richiamo vi invito alla preghiera e alla partecipazione alla S. Messa: confessatevi, comunicatevi, non riponete mai il vostro Rosario. Il Signore fa in modo che voi ascoltiate la sua voce. Ascoltatelo, perché nel vostro intimo Dio parla, incominciate a capire la sua voce che echeggia in voi. Se riuscirete realmente ad ascoltarlo, vi accorgerete finalmente che Dio vi ama e che il suo cuore arde d’amore per voi. Oh figli miei, perché non aprite il vostro cuore al grande amore di nostro Signore?
Questa potenza divina d’amore è così grande che vi sentireste realmente immersi nella luce di Dio; ogni vostra tribolazione svanirebbe se ci fosse il vostro abbandono al Mio Cuore Immacolato.
R: Madonnina, cosa dobbiamo fare per abbandonarci totalmente al tuo Cuore?
M: Pregare, pregare tanto, almeno tre ore al giorno, recitare molti rosari, sacrificarsi per la conversione dei peccatori, fare delle mortificazioni per evitare le guerre nel mondo.
R: Madonnina, le persone dicono che non hanno tutto questo tempo per pregare.
M: Però avete tempo per cibarvi. Come il vostro corpo ha delle necessità, così anche la vostra anima è bisognosa di attenzioni. Chi non ha tempo per pregare, non ha tempo per Dio, e ciò non vi rende suoi veri figli. È forse questo il rispetto che avete per il vostro Padre? Il Signore è vicino a chi lo cerca, dovete non solo averLo presente nella vostra vita quotidiana, ma cercarLo per essere in tutto e per tutto portatori di pace. Gesù nel suo amore vi dà sempre la possibilità di acquistare il premio eterno. Giorno per giorno Egli mette davanti a voi occasioni per meritare ciò che ha promesso: date aiuto al vostro fratello bisognoso, ogni piccola o grande azione che fate ad uno di questi fratelli più piccoli, l’avrete fatta a Gesù. Leggete e meditate spesso il S. Vangelo, la Parola di Dio: che sia nelle vostre menti, che sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro. Fate in modo che il vostro amore verso Dio e le vostre preghiere non prendano un posto marginale nel vostro cuore. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, ho fatto togliere le cose da qui per poter baciare i Tuoi piedi, me lo permetti?
M: Prima di far ciò bacerai la terra in segno di penitenza per tutti i peccatori che offendono nostro Signore.
R: (Dopo aver baciato i piedi alla Madonna) Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 ottobre 1987
E’ questa la decima apparizione dall’inizio dell’anno. Le presenze sono oltre 50.000. soprattutto si nota l’affluenza di auto e di pullman provenienti da Palermo. Rosario con accanto papà, mamma e padre Dino Magnano, scende alla roccia come le volte precedenti, prima verso le 9,30 per recitare le preghiere del mattino assieme agli ammalati, e poi verso mezzogiorno. In questa data la Madonna avrebbe detto a Rosario di recarsi nelle vicinanze della roccia in un luogo appartato il giorno in cui viene venerata come la Regina del S. Rosario, perché il Signore gli avrebbe concesso una grazia, a beneficio comune del suo popolo.
Figli miei, non scoraggiatevi se la croce è pesante. La provvidenza divina, l’amore di Dio, la vostra preghiera, la vostra fede, saranno il vostro conforto e la vostra gioia. Il Mio Cuore Immacolato sarà il vostro rifugio. Vi esorto ancora a recitare il Rosario, a pregare con il cuore fervoroso e a frequentare i Sacramenti. Desidero ricordarvi come nostro Signore ha abbassato il Suo sguardo su questo luogo e come la Sua mano ha toccato i vostri cuori. Vi invito a lodarlo anche per le piccole grazie che elargisce, così saprete ringraziarlo per le grandi grazie che provengono dalla Sua divina misericordia. Con mano giusta sta curando la Sua vigna, la vigna del Signore è il Suo popolo, sforzatevi dunque a dare buoni frutti prima che il Signore la renda un deserto. Attende dal Suo popolo giustizia e rettitudine e non spargimento di sangue e grida di oppressi. Preparatevi dunque perché i tempi sono maturi. Se ascolterete i miei materni consigli ci sarà un periodo di pace e solo le preghiere saranno la purificazione del vostro cuore.
R: Madonnina, noi poveri peccatori non abbiamo ascoltato il Tuo consiglio delle tre ore di preghiera.
M: Da voi non mi aspettavo né di più né di meno, ma ora è giunto il momento: crescete spiritualmente e i vostri cuori saranno miei e li porterò a Gesù. I primi passi sono stati difficili, la strada che porta a Gesù non è facile da percorrere, ma Io sarò la vostra guida e gli Angeli i vostri protettori.
Cari figli, dovete prepararvi a dire il vostro "si" al richiamo e all’invito di Gesù e il vostro "grazie" alla Sua accoglienza. Una volta entrati a far parte della Sua mensa, non potrete rinunciare ad un dono così meraviglioso, anche se le tentazioni quotidiane minacceranno la vostra strada per la santità. Promettete di abitare sempre nella casa del Signore, essa è sempre aperta. Vi invito a mettere la Sacra Bibbia in un luogo che si noti e che faccia capire che deve essere letta quotidianamente, e soprattutto un passo del Vangelo. Che la Parola di Dio sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che sia soprattutto scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: Desidero che recitiate molti rosari al giorno, ma almeno tre. Che siate sempre sottomessi alla volontà di Dio e che Lo amiate perché è vostra forza e vostro sostegno ed il Suo Sacro Cuore arde di amore per voi.
Desidero che il giorno in cui sarò venerata come la Regina del S. Rosario, tu venga qui in un luogo appartato. Il Signore desidera concederti una grazia che è per il bene comune del Suo popolo. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 novembre 1987
Il 1° novembre a Belpasso, come si prevedeva, (la giornata è festiva) giunge un numero incredibile di gente proveniente da varie regioni d’Italia (Lazio, Umbria, Toscana, Veneto). Nelle sciare attorno al quartiere di Borrello si calcola la presenza di circa 70.000 persone.
I primi gruppi di pellegrini si cominciano a radunare attorno alla roccia fin dalle tre del mattino. Poi, durante le prime ore del giorno, è un continuo affluire di gente, come un fiume in piena.
Rosario Toscani si reca alla roccia alle 11 circa. Dopo la recita delle preghiere, alle 12 esatte, ha luogo l’apparizione. Durante i dieci minuti di colloquio, il veggente recita una decina del rosario, quindi alza il crocifisso della corona, chiedendo alla Madonna di benedirlo.
Frattanto, dalla massa di nuvole che staziona verso est, si stacca una nuvola simile a un fumo grigio, che lentamente si disperde nell’aria, la maggior parte dei presenti alza gli occhi verso l’alto gridando "Viva Maria".
Figli miei, in questo giorno siete venuti in molti dalla vostra Madre. Ma date un motivo alla mia incessante chiamata. Desidero da voi un maggior abbandono a Me, una massima umiltà e obbedienza a nostro Signore. Siate docili al Suo Spirito Rinnovatore, siate assetati del Suo Spirito Santificatore.
Li voglio tutti santi i miei cari figlioli: beati i puri di cuore perché vedranno realmente Dio. Ora, cari figli, in questo giorno così importante, rinnovo la mia richiesta: recitate molti Rosari, fate sacrifici per la conversione dei peccatori, digiunate per la pace nel mondo, e soprattutto partecipate più volte alla settimana alla S. Messa, ma con tutto il cuore e con dei buoni propositi nell’impegno a migliorare e santificare la vostra anima, a rendere puri i vostri cuori.
Accostatevi ai SS. Sacramenti della Confessione e della Comunione. Pregate ancora per la santificazione dei religiosi e del popolo di Dio, infine, le vostre preghiere, le vostre suppliche, fatte con tutto il cuore, saranno presentate da Me a nostro Signore.
R: Madonnina, avrei alcune cose da chiederti, la conversione dei peccatori, le vocazioni e tante altre preghiere.
M: Sono tanti i vostri affanni di ogni giorno, però quante sono le volte in cui vi fermate a dissetarvi presso il Signore? Come il cervo va all’acqua, così anche voi dovete fare con Dio. Non chiudete il vostro cuore all’Amore, ma dite: "Ha sete di Te, Signore, l’anima mia!". Questo è ciò che Egli vuol sentire da voi, in tal modo porrà fine ai vostri affanni. Innanzi tutto c’è bisogno della vostra conversione, della preghiera e della fede, così otterrete favori e grazie. Lo so che le vocazioni sono poche, pregate anche per questa intenzione. Tra di voi ci sono molti giovani che sono incerti, che hanno un grande desiderio di consacrarsi al Signore, ma le cose di questo mondo li stanno distraendo e allontanando. Per questo vi incito a non essere incerti: appagate questo santo desiderio, ve lo dice vostra Madre.
Il Signore desidera che non si abbandoni la devozione al Mio Cuore Immacolato. A chi continuerà a praticare questo culto, Io prometto la salvezza, e queste anime saranno amate da Dio come fiori posti da me per ornare il Suo trono. Ecco, il Signore vi ama, vuole che ognuno di voi si avvicini a Lui.
Distaccatevi dalle piccolezze umane, perché Egli vuole attuare il Suo piano per ognuno di voi; particolarmente da questo giorno cominceranno a compiersi grandi progetti. Vuole condurvi tutti nel regno della Vita.
Cari figli, nostro Signore fa risplendere il Suo Volto e vi salva. Preparatevi dunque voi. Siate consapevoli della Sua imminente venuta. Non siate sordi alla Parola di Dio, il S. Vangelo. Quindi che sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro. Adesso recita una decina del Rosario, offrila per la santificazione delle anime e per la pace in tutto il mondo. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime….ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 dicembre 1987
Nonostante sia un giorno feriale, il 1° dicembre nelle sciare di Borrello affluiscono circa 60.000 persone. La giornata è serena. Quando, qualche ora dopo il colloquio con la Vergine, Rosario legge il messaggio ricevuto, quasi tutti i convenuti all’appuntamento mensile non sono ancora presenti sul luogo ad ascoltare.
Le parole della Madonna sono di gioiosa speranza in attesa del S. Natale: "Nel giorno del Natale il Padre offrirà grazie particolari a tutti coloro che saranno aperti con il loro cuore".
A conclusione aggiunge, poi, che verrà non solo il primo giorno de gennaio, ma qualche altra volta durante il mese. Nemmeno Rosario conosce la data di questo appuntamento; dice solo che quando avverrà, se ci saranno dei messaggi per tutti, lo farà sapere.
Figli miei, vi amo immensamente. Desidero comunicarvi la mia gioia e che voi la dividiate con Me. Nasce ancora Gesù in mezzo a noi. Però, figli miei carissimi, l’Avvento è la preparazione al Natale, e voi come state preparandovi?
Distaccatevi dalle cose materiali, perché solo così potrete cogliere il vero significato del Natale, non permettete perciò che sia di nuovo come tutti gli altri anni. Vi invito a prepararvi al Natale con la penitenza, la preghiera e le opere di carità. Questo Natale sarà per voi indimenticabile, ma dovrete ascoltare e mettere in atto il messaggio che vi sto dando.
Tutti avete contemplato le meraviglie dell’Amore di Dio. Ora dovete attuare nel vostro cuore la vostra scelta.
R: Madonnina, come facciamo a sapere che la nostra scelta è quella che vuole Dio?
M: Per saper riconoscere che la vostra scelta è la volontà del Signore dovrete pregare molto e fare penitenza per non cadere nell’errore, confidate e abbandonatevi totalmente a Lui e al Mio Cuore Immacolato. Cari figlioli, voi che sapete che l’evento della gioia è vicino, dovete comprendere che senza amore non potete ottenere nulla. Per questo amatevi prima in famiglia e poi in tutto il mondo e allora ci sarà davvero il clima della pace.
Nelle settimane che verranno dedicatevi alla preghiera in famiglia, imparate ad amarvi. Con l’abbandono a Dio che vi ho consigliato, otterrete doni speciali di carità e conversione. Voi spesso dite che il mio messaggio è sempre lo stesso, che dico le stesse cose: molto male, figli miei, vuol dire che non sapete meditare. Dite pure che chiedo sempre la preghiera e la recita del S. Rosario.
Dovete sapere, però, che quando pregate voi siete molto più belli. Come i fiori, in primavera, mostrano tutta la loro bellezza, così anche voi nella preghiera vi mostrate più belli, il vostro cuore si apre al Signore e per Lui diventate molto più preziosi di prima, a tal punto che siete degni per il Paradiso. Dovete prepararvi anche ad una buona confessione: che il vostro esame di coscienza sia molto meticoloso.
Cercate di pentirvi realmente e sentire un grande dolore dei vostri peccati, non siate orgogliosi, non provate vergogna dinanzi al Confessore, alla fine vi sentirete sereni e colmi di gioia, pronti per vivere il Natale. Se persino non siete in pace con voi stessi, un giorno prima del Natale, correte a confessarvi, affinché il Signore trovi nei vostri cuori ciò che desidera. I Sacerdoti s’impegnino da parte loro ad accogliere tutti.
Cari figlioli, la S. Messa è l’esperienza della gioia nell’incontro con Gesù. Poiché questo periodo dev’essere vissuto pienamente, accogliete sempre il messaggio del Vangelo, la Parola di Dio: che sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro. Vi chiedo soltanto di non permettere che il giorno della gioia sia per me il giorno più triste per causa vostra. Nel giorno del Natale, il Padre offrirà grazie particolari a tutti coloro che saranno aperti con il loro cuore.
Nel frattempo il Mio Cuore Immacolato seguirà i vostri progressi. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Che il, Padre sia nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Continuerò a venire.
R: E quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese, non solo, ma se il Signore me lo permetterà, anche qualche altra volta in questo mese.
8 dicembre 1987
Nel concludere il messaggio del 1° dicembre, la Madonna aveva detto "Verrò il primo giorno del prossimo mese, non solo, ma se il Signore me lo permetterà, anche qualche altra volta durante il mese".
Nessuno, come abbiamo detto conosce la data di questo appuntamento straordinario, anche se in molti suppongono che avverrà il giorno dell’Immacolata.
Il veggente, la mattina dell’8 dicembre si reca ad Acireale, nella chiesa dei PP. Filippini, e qui, inaspettatamente a conclusione della S. Messa celebrata da padre Dino Magnano per l’apertura dell’anno oratoriano, la Vergine gli si manifesta mentre è raccolto in preghiera nel primo banco, e l’assemblea dei partecipanti tutta in piedi è in ascolto di un canto. L’evento è così inatteso da lasciare il giovane e i presenti assai sorpresi ed emozionati, ma nello stesso tempo gioiosi per l’esperienza vissuta.
Dopo l’apparizione, il veggente legge il messaggio sul posto, quindi si reca alla roccia di Belpasso per comunicare a tutti quanto è accaduto, e divulgare ciò che la Madonna gli ha detto.
Figli carissimi, vi amo immensamente, questo è il mio sentimento maggiore che provo verso di voi, però manifesto anche il mio dolore: troppe offese sono arrecate al Mio Cuore Immacolato, pochi sono coloro che offrono riparazioni. Ricordati ciò che dissi precisamente un anno fa. Infatti ho promesso l’assistenza nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza, a chi ogni primo sabato di cinque mesi consecutivi, si sarebbe confessato e comunicato, avrebbe recitato il Rosario e soprattutto mi avrebbe tenuto compagnia per un quarto d’ora meditando i misteri col fine di offrirmi riparazione. Raccomandai anche il digiuno per la pace nel mondo.
R: Madonnina, perché solo per cinque mesi e non di più?
M: Perché sono cinque le offese dirette al Mio Cuore: le bestemmie contro la Mia Immacolata Concezione, contro la Mia Verginità, il rifiuto di riconoscermi Madre di Dio e degli uomini, l’opera di coloro che infondono nel cuore altrui l’indifferenza e l’odio contro di Me, l’opera di coloro che Mi offendono direttamente nelle Mie Immagini Sacre.
Invito ognuno di voi a diffondere questa necessità di confortare e consolare la vostra Madre. Sarebbe per Me una cosa gradita se ogni vostra famiglia si consacrasse al Mio Cuore Immacolato. Impegnatevi a riparare gli oltraggi e le indifferenze arrecate al Mio Cuore, da questo momento vi affido il compito di difensori e riparatori del Mio Cuore.
Benedico ognuno di voi e le vostre famiglie in particolare, vi prometto che se accetterete il compito che vi ho affidato, avrete la grazia della conversione: PREGHIERA…..RIPARAZIONE…..PENITENZA.
1 gennaio 1988
Il 1988 non entra sotto buoni auspici. Il tempo inclemente, le false notizie diffuse da alcuni quotidiani e la festività di Capodanno provocano un calo di presenze notevole presso la roccia; dalle 70.000 di novembre e 60.000 di dicembre, si passa a cifre come 20.000 al massimo.
Per quei pochi fedeli della Madonna di Belpasso, stretti attorno alla roccia e inzuppati da capo a piedi, nonostante gli ombrelli, l’apparizione riserva una spiacevole sorpresa: il messaggio è segreto.
Rosario, alla fine dell’apparizione, triste e abbattuto, dice che la Madonna era più addolorata del solito "Come non l’avevo vista mai" e il messaggio ricevuto per il momento deve rimanere segreto.
Aggiunge poi "Desidero invitarvi tutti a pregare perché questo messaggio non si avveri".
Al fine di chiarire le perplessità di molte persone circa questo messaggio segreto che fa presagire tristi eventi, alcuni giorni dopo Rosario fa una relazione per spiegare meglio ciò che la Madonna desidera da tutti.
Il messaggio che la madonna mi ha affidato il 1° gennaio 1988 non posso rivelarlo, quindi faccio qualche cenno su di esso. Ho già detto che la Madonna era molto addolorata, come non l’avevo vista mai, e il messaggio, essendo molto profondo nel suo contenuto, non nascondo che mi ha lasciato turbato.
Quando Maria SS.ma appare, non lo fa senza una ragione, la salvezza dei suoi figli è la cosa che Le preme di più. Forse questo molti non lo hanno compreso, ed è uno dei motivi del Suo dolore. Ciò che sto per dire mi viene difficile. Si deve constatare come i passi dell’umanità verso la pace siano rassicuranti e rasserenanti.
La Madonna lo aveva già detto il 1° di ottobre parlando di un periodo di pace. Ma una domanda sorge spontanea:
Com’è possibile che la Madonna sia addolorata?
Ormai non possiamo e non dobbiamo focalizzare la nostra preoccupazione solo sui problemi delle nazioni in guerra. La Vergine SS.ma è preoccupata per la salvezza del singolo uomo travagliato e vincolato dalle cose materiali, distratto e non più curante del suo unico e vero bene: DIO. Ognuno di noi deve scoprire nella propria anima che siamo chiamati alla santità e riconoscere le nostre carenze spirituali. Mi sembra giusto ripetere ciò che ha sempre detto la Madonna: accostarsi ai Sacramenti della Confessione e della Comunione, pregare per la pace nel mondo, recitare molti rosari, fare sacrifici per la conversione dei peccatori.
Quando la S. Vergine dice che i tempi sono maturi, bisogna meditare ed agire per migliorarci, purificarci e santificarci. Desidero precisare che il messaggio del 1° gennaio 1988 non è un’aggiunta ai dieci segreti che ho ricevuto il 1° marzo 1987, bensì è un maggiore approfondimento, un chiarimento ed una spiegazione su di essi. Solo una cosa fa sperare tutti noi: il sicuro aiuto di Maria, REGINA DELLA PACE, ed il trionfo del Suo Cuore Immacolato.
Torna a proposito la parabola delle dieci Vergini (Matteo 25, 1-13) che è l’esortazione alla vigilanza nell’attesa del ritorno glorioso di Gesù Cristo.
La Madonna apparirà il primo giorno del prossimo mese.
1 febbraio 1988
Contrariamente alle previsioni, il 1° febbraio numerosi pellegrini (circa 50.000) ritornano alla roccia di Belpasso, per assistere al preannunciato evento dell’apparizione della Vergine.
C’è tanta attesa e trepidazione nel cuore di tutti; soprattutto c’è la speranza che il messaggio della Madonna riporti serenità nell’animo di chi ha tanto pregato per scongiurare i cattivi presagi del mese precedente.
L’attesa, comunque, non è deludente; le parole della Regina della Pace sono di riflessione per quanto è accaduto il 1° gennaio "Ma come potevo essere felice se il mondo era vittima della sua stessa superficialità persino alla vigilia del nuovo anno?" e di esortazione a vivere la fede in modo vero ed autentico "Ognuno di voi dovrebbe prima radicare la propria fede, per poi convertire il prossimo".
Figli miei, solo se mi avete compreso nel mio dolore potrete confortarmi. Lo scorso mese la mia venuta è stata davvero sconfortante per tutti…ed era la giornata della pace. Ma come potevo essere felice se il mondo era vittima della sua stessa superficialità persino alla vigilia del nuovo anno? È per questo che così facendo gli uomini attirano a sé le punizioni.
Tutti si sono venduti coscientemente alla felicità mondana. Solo una cosa allieta il mio cuore: veder molti di voi impegnati nel confortarmi. Questo vuol dire che non solo il vostro cuore si è aperto, ma che sapete rispondere prontamente e con buona volontà alle sollecitazioni che Dio manda alle vostre anime. Il Signore vi risana perché è il Dio della vita.
Oggi invito voi tutti in modo particolare a rafforzare la vostra fede in Dio, oggi siete stati chiamati ad un compito particolare che Egli, nella Sua misericordia, ha voluto affidarvi: annunciare al mondo la Sua imminente venuta. Siate grati ma non insuperbitevi perché Dio non sceglie i migliori, ma i più docili al Suo Spirito. Questo lo dico per premunirvi da tale sentimento che troppo spesso si insinua nei pensieri del vostro cuore.
R: Madonnina, come potremo ottenere la forza necessaria per adempiere a questo compito?
M: Il compito è semplice. Molti hanno dimenticato che essere veri cristiani vuol dire annunciare la Buona Novella. Gesù ha istituito i Sacramenti oltre che per la santificazione dei suoi fratelli, per fortificare le vostre anime. Spesso molti si dicono cristiani e non si accorgono che loro stessi sono causa della perduta fede.
Ognuno di voi dovrebbe radicare la propria fede, per poi convertire il prossimo. Molti non sanno che la fede del vero cristiano non è un "forse". Ognuno guardi dentro se stesso e dica "Signore, la Tua salvezza mi colma di gioia. Fa di me uno strumento di conversione".
Chi sa di essere nel vero, confrontandosi con ciò che insegna il Vangelo, non può avere timore, e se ne avesse non sarà così tanto da abbandonare la via intrapresa: questa è la vostra forza, questa è la vostra fede. Le vie del Signore sono verità e grazia. Che il S. Vangelo, la Parola di Dio, sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori. Andate ed evangelizzate, non abbiate timore perché il Mio Cuore sarà sempre con voi. Camminerete davanti al Signore nella terra dei viventi.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro. Continuate ad accostarvi ai SS. Sacramenti, non stancatevi di pregare e di recitare il Rosario, leggete la Sacra Bibbia e meditatela. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Si, verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 marzo 1988
La stagione primaverile è alle porte, ma il freddo a Belpasso è ancora intenso. La mattina del 1° marzo soffia un vento gelido di tramontana che costringe i pellegrini a coprirsi abbondantemente in previsione delle ore d’attesa che separano dall’apparizione. Tutto si svolge come di consueto in modo ordinato e tranquillo grazie soprattutto all’opera dei volontari locali e della Misericordia, presente e tempestiva nel soccorrere gli infermi e chi viene colpito da malore. La visione della Madonna per Rosario, come nei mesi invernali, avviene alle 12 esatte. Come sempre c’è grande attesa per conoscere il messaggio. Non mancano questo mese riferimenti alla imminente festività della S. Pasqua, con l’invito a vivere in modo coerente il periodo della Quaresima. La Madonna dice inoltre (ciò rende lieti i presenti) che il settimo segreto non si avvererà più, ma che sarà sostituito con un altro evento che sarà bello per tutto il popolo di Dio sparso sulla terra.
Figli miei, ci avviciniamo alla S. Pasqua, preparatevi bene. In questi giorni di Quaresima vi invito ad un ravvedimento spirituale, non fatevi cogliere impreparati. Cercate di rendere la vostra anima pura e limpida come l’acqua sorgiva, soli non potete nulla, ma con la grazia del Signore, con il Suo ed il Mio aiuto, potrete ottenere la pace con voi stessi, con i fratelli e con il Signore. Ma se volete ottenere ciò, passate attraverso il Mio Cuore, vi porterà a Gesù e troverete la vera pace.
Quella pace per la quale Gesù è morto e risorto lasciandovela. Non sprecate tale dono nascondendolo, ma coltivatelo in voi stessi, nel vostro cuore. Se ognuno di voi farà questo, potrà condividerlo con i propri fratelli, potrà servirsene per le lodi al Signore. Così facendo Gesù accetta benevolmente i doni che gli offrite, ma ciò che più desidera sono i vostri cuori.
Portate i vostri cuori al Mio, li renderò tali da essere degni del Cuore di Mio Figlio. Avrete in voi una sorgente che zampilla fino alla vita eterna. Preparatevi in umiltà e abbandono alla S. Pasqua. La vostra preparazione sia fatta con le preghiere e le opere di carità. Vi ho promesso un Natale indimenticabile e ho mantenuto la mia promessa; ora vi prometto una Pasqua indimenticabile, però se volete potete fare molto di più dello scorso anno.
A tal proposito, meditate molto spesso la Via Crucis, pregate con il Rosario e siate più frequenti nel confessarvi: questo è tempo di riconciliazione. La S. Messa è il compendio delle meraviglie che Dio ha operato con gli uomini; vuol dire assistere al grande sacrificio della Passione e Morte di Gesù. Nella S. Messa si contemplano e si celebrano i grandi misteri di Dio. Aspirate tutti alla Resurrezione, al Paradiso.
Figli miei, non fuggite la croce che vi è stata assegnata, anche voi così partecipate al grande sacrificio Eucaristico. Accostatevi all’Eucarestia: non si ringrazierà mai abbastanza Dio per questo immenso e meraviglioso dono. Durante queste settimane, dovreste andare più spesso alla S. Messa. Vi invito a fare ogni giorno l’adorazione a Gesù Crocifisso.
Prendete un crocifisso e baciatelo ripetutamente con tanto amore e con immensa devozione. Farete un bel gesto; infatti è proprio con la croce che Gesù ha redento il mondo. Leggete sempre le Verità insegnate nel S. Vangelo: il Signore ha parole di vita eterna. Che sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori. Cantate sempre l’amore del Signore.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro?
M: Si. È giunto il momento di svelare al tuo confessore il segreto riguardante………che fa parte dei dieci segreti. Di a tutti che il settimo segreto non si avvererà più, ma sarà sostituito con un altro evento che sarà bello per il popolo di Dio sparso sulla terra.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Sia il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: Si, verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 aprile 1988
Il 1° aprile 1988 è Venerdì Santo.
Molta gente, fra cui un buon numero di sacerdoti spesso presenti alla roccia, per non tralasciare le funzioni pomeridiane, rinunciano a malincuore all’appuntamento mensile di Belpasso. Tuttavia, quando Rosario arriva con i genitori e padre Dino per partecipare alla Via Crucis guidata da padre Filippo Buccheri, sul luogo sono radunate circa 50.000 persone. Durante l’apparizione, i presenti (naturalmente i più vicini al veggente) osservano qualcosa di insolito rispetto ai mesi precedenti; il veggente nel recitare i tre misteri del S. Rosario muove ripetutamente lo sguardo fissando due diversi punti in alto sopra la roccia, come se ci fosse qualcos’altro ad attirare la sua attenzione. Finito il colloquio, tutto viene chiarito quando Rosario, affacciandosi dal balcone, dice di aver visto, diversamente dalle altre volte, la Vergine in ginocchio ai piedi di un bel crocifisso.
R: Oggi l’apparizione è stata diversa dal solito. Infatti, appena la nuvola appoggiata sulla roccia si è aperta, ho visto la Madonna inginocchiata a destra di un bel crocifisso a grandezza naturale. La croce era frontalmente a me, ma Gesù non si muoveva, mi sembrava di essere dinanzi ad una meravigliosa scultura dai particolari finissimi. Gesù sembrava vero.
Non ho mai visto un crocifisso così meraviglioso, e la sua bellezza era tale che non sapevo chi guardare, la Madonna o la bella croce. La Madonna mi ha invitato a recitare tre misteri del S. Rosario e nel frattempo contemplavo l’Amore di Gesù per l’umanità. Ho notato una cosa molto bella: quando recitavo "…Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori…" la Madonna alzava amorevolmente lo sguardo verso l’alto. Così ho potuto contemplare nel mio intimo come la Vergine intercede per noi.
Alla fine del S. Rosario la Madonna ha dato per tutti il seguente messaggio:
Figli miei carissimi, oggi dovete pregare particolarmente per i vostri fratelli. Nel suo corpo mistico, che è la Chiesa, il vostro amato Gesù, l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo, continua a ripetere il suo sacrificio d’amore. Il mio Cuore, unito a quello di mio Figlio, ha sofferto in maniera unica e particolare ed è per questo che vi dico che sono la Madre dei miseri e dei sofferenti, cono colei che vi consola.
Durante la dolorosa passione di Gesù, il mio cuore non avrebbe retto se non fosse stato sostenuto dalla fede a cui tutti dovete guardare. Restate con me sotto la croce, pregate ed abbiate fede. In tal modo la pace di cui io sono Regina potrà entrare nei vostri cuori: è un fiore che sboccia e che non appassisce, se mi permetterete di curarlo e accudirlo come una cosa preziosa che cresce con la grazia del Signore. Continuate a recitare il Rosario e accostatevi ai Sacramenti. La S. Messa è la vostra salvezza. È grande l’evento della Resurrezione di Gesù, perché così è vinta la morte.
Nella S. Pasqua di resurrezione, vi invito a non attaccarvi alle cose materiali. Nella carità, chinatevi sui vostri fratelli più piccoli, mostrate a Gesù il vostro amore, che non siete sordi al Suo richiamo e chiusi alla Sua luce. Che il S. Vangelo, la Parola di Dio, sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro per oggi. La Madre addolorata della Passione e gioiosa della Resurrezione vi benedice nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: sia il Padre nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, quando verrai?
M: Verrò il primo giorno del prossimo mese.
1 maggio 1988
Come si prevedeva (dato il giorno festivo) l’afflusso di gente a Belpasso è indescrivibile. Disseminate per le sciare attorno alla roccia si possono calcolare circa 150.000 persone. È il massimo dall’inizio delle apparizioni.
La gente proviene da tutte le provincie siciliane e da varie regioni d’Italia. Già comincia a far caldo, e molti, nell’attesa, cercano riparo dal sole sotto gli ombrelli. L’apparizione (l’ultima, come si saprà dopo) con il ritorno dell’ora legale è alle 13 esatte, finito il colloquio, Rosario si allontana dal luogo scortato dalle forze dell’ordine, mentre la gente attende con ansia di conoscere il contenuto del messaggio.
Purtroppo è doloroso per tutti ascoltare dopo mezz’ora circa il giovane che, con la voce rotta dal pianto, dice quasi alla fine "Come?...Non verrai mai più?"
I presenti a questo punto comprendono chiaramente che la Regina della Pace non verrà più sulla roccia di Belpasso, e ancora increduli si allontanano dal luogo (molti piangono) con l’animo carico di mestizia, ma anche con un filo di speranza per l’annuncio (come dice nel messaggio) di un futuro ritorno, la cui data sta scritta solo nei disegni di Dio.
Figli miei, in questi mesi ho dato molti messaggi per convertirvi. Il Signore ha toccato molti cuori e li ha infiammati con l’amore del Suo Cuore, ha confortato molti sconsolati, ha portato la pace in molte famiglie, in molti cuori. Ha fatto capire a tutti quanto sia stupenda e meravigliosa la preghiera, quanto è efficace la recita del S. Rosario e quindi la mia intercessione presso di Lui, quanto gli siano graditi i sacrifici e la penitenza offerti per riparare le offese e per convertire i peccatori, ma soprattutto vi ha fatto capire quanto siano i Sacramenti indispensabili per la vita eterna. Vi ha donato la gioia e continuerà a donarvela nella S. Messa.
Figlioli cari, quante volte vi ho invitato quasi supplicandovi a fare ciò che vi consigliavo, ad accettare le leggi giustissime di nostro Signore. Le mie apparizioni sono servite a ravvivare belle anime vostre lo spirito di fede, di confidenza, di amore. I frutti spirituali si ottengono con la costanza, con l’abbandono totale alla misericordia di Dio. Vi proteggerò sempre, e anche se come alberi vi piegherete al vento, resterete saldi: confidate in Me.
R: Madonnina, avrei tante cose da chiederti: se curi dei malati, se concedi qualche grazia spirituale e materiale a qualcuno.
M: Già alcuni sono stati guariti ed esauditi, altri guariranno in seguito, altri invece non saranno ascoltati, debbono pregare e chiedere perdono dei loro peccati. Il mondo ha offeso molto nostro Signore, deve correggere i propri errori.
Ora però devo dirti una cosa molto importante: puoi dirla a tutti.
Dopo il periodo di pace che concederò al mondo per mezzo del Mio Cuore, accadrà che molti si allontaneranno da Dio, si vergogneranno di Lui.
Finito il periodo di pace, accadranno molti eventi spiacevoli, per ogni famiglia, per ogni città, per ogni nazione, per il mondo intero; questo perché molti si adageranno di nuovo e si dimenticheranno di Dio e delle Sue Leggi.
La Chiesa avrà molto da soffrire. E prima che tutto questo accada ti avvertirò in modo che tu possa dirlo a tutti. Sarà questo il segno tangibile delle mie apparizioni ed è più importante dei segni nel cielo per la sua gravità. Non scoraggiatevi: guardate sempre ai SS. Cuori di Gesù e di Maria.
Che il S. Vangelo sia nelle vostre menti, sia la vostra parola, ma che soprattutto sia scrittura nei vostri cuori.
R: Madonnina, desideri qualcos’altro da noi?
M: No, nient’altro. Vivete quotidianamente i miei messaggi nei quali vi ripeto di fare ciò che mio Figlio vi dice. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Che il Padre sia nelle vostre menti, il Figlio nei vostri cuori, lo Spirito Santo nelle vostre anime…ora devo andare.
R: Madonnina, continuerai a venire?
M: No, non verrò più.
R: Come?…Non verrai mai più?
M: Ritornerò in seguito, ma ciò non vuol dire che ti ho abbandonato: il mio Cuore Immacolato sarà sempre con te e, poiché la pace nel mondo è stata affidata ad esso, quando trionferà sarà onorata la Regina della Pace.
Dette queste parole, la Madonna si è elevata serenamente verso il cielo dove ci aspetta maternamente.

Torna ai contenuti